Scudetti, riconoscimenti e Supercoppe

Il consiglio direttivo della società è presieduto da Guglielmo Bellotti, con Marco Lavaggi come vice. Le squadre per i campionati nazionali sono state annunciate, con atleti di alto livello in diverse categorie.

Cena con i sapori di San Gimignano

Il Club Alcide Gourmet organizza una cena degustazione dedicata a San Gimignano, in collaborazione con Wine&Siena. Saranno presenti vini e prodotti tipici del territorio, come la Riserva di Vernaccia di San Gimignano Docg e la Chianina. Il menu include anche il famoso dessert "Crema di Santa Fina".

I silenzi del dopoguerra: "Gli eroi, i repubblichini, le colpe degli indifferenti"

Durante il periodo tragico della Seconda Guerra Mondiale, gli italiani si dividono in tre categorie: i collaboratori dei nazisti, i "Giusti tra le Nazioni" che cercano di salvare gli Ebrei e gli indifferenti che fanno finta di non vedere. La maggioranza silenziosa ha reso difficile ricostruire i fatti di quei giorni. Molti Giusti rimangono ignoti, ma il loro contributo è doveroso ricordarlo. Il dopoguerra merita un ragionamento più ampio, considerando la scelta degli americani di trovare un alleato e la tesi dell'antisemitismo come una parentesi.

Il coraggio di pochi: "Infransero le leggi per amore di fratellanza"

Orsogna, un piccolo paese in Italia, diventa il primo a riconoscere il tentativo di sterminio di Rom e Sinti da parte del regime nazista. L'articolo sottolinea l'importanza di ricordare il coraggio e la fratellanza umana dei Giusti, e invita a combattere il razzismo ancora presente oggi.

di ENRICO FINK *
Durante la Seconda Guerra Mondiale, la famiglia Fargion si separa per sfuggire alla deportazione. Le figlie vengono aiutate da un tassista e poi accolti da una famiglia che rischia tutto per salvarle. Nel 2007, Yad Vashem riconosce i loro salvatori come Giusti tra le Nazioni.

Lo spirito umanitario che salvò i Fargion

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la famiglia Fargion si separa per sfuggire alla deportazione. Le figlie vengono aiutate da un tassista e poi accolti da una famiglia che rischia tutto per salvarle. Nel 2007, Yad Vashem riconosce i loro salvatori come Giusti tra le Nazioni.

La caccia ai Passigli della banda Carità

Gennaro Campolmi e Luigi Pugi, riconosciuti come Giusti tra le Nazioni da Yad Vashem, hanno collaborato per salvare la famiglia Passigli durante l'Olocausto. Campolmi ha fornito documenti falsi e aiutato la famiglia, mentre Pugi ha offerto un rifugio sicuro.

I Sadun e l’incubo dei treni piombati

Il professor Lodovico Cardini, sua moglie Lydia e il dottor Gino Cardini, insieme alle loro famiglie, hanno aiutato e nascosto i membri della famiglia Sadun durante l'occupazione tedesca. Grazie al loro coraggio, sono stati riconosciuti come Giusti tra le Nazioni nel 1982.

L’amicizia con i frati. I Franchetti, dal monastero alle foreste della Verna

Durante l'occupazione tedesca, la famiglia Ciuccoli fornì rifugio alla famiglia ebrea Franchetti in un piccolo paese di montagna in provincia di Arezzo. Grazie a vecchie amicizie, i Franchetti riuscirono a nascondere la loro identità ebraica e a ricevere aiuto dalla comunità locale. Nel 2002, i Ciuccoli sono stati riconosciuti come Giusti tra le Nazioni. (159 caratteri)

Mesi di protezione all’amica d’università

Luisa Giovannozzi ha salvato la sua amica Silvia Rossi durante la Seconda Guerra Mondiale, nascondendola nella sua casa a Firenze per due mesi. La famiglia Giovannozzi ha anche ospitato il fratello di Silvia, Gino, prima che fuggisse in Svizzera. Nel 1984, Yad Vashem ha riconosciuto la famiglia Giovannozzi come Giusti tra le Nazioni.

Quell’anziana ebrea che chiamò madre

Emma Goldschmied Varadai, vedova ebrea, trovò rifugio a Sansepolcro durante la Seconda Guerra Mondiale grazie al parroco don Duilio Mengozzi, che la nascose e la presentò come sua madre. Yad Vashem ha riconosciuto don Duilio Mengozzi come Giusto tra le Nazioni.

"Due angeli di nome Guerranti e don Pacini"

Sara Grünwald e suo cugino Marcello Di Segni raccontano la storia della loro famiglia ebrea che trovò rifugio in Toscana durante la Seconda Guerra Mondiale. Grazie all'aiuto di persone coraggiose, come Egidio e Santina Calamassi, furono salvati dalla persecuzione nazista. Il loro coraggio è stato riconosciuto da Yad Vashem.

I Della Riccia vittime dell’agguato della Gestapo

Umberto Natali, fattore di una tenuta a Pescia, aiutò la famiglia ebraica Della Riccia durante l'occupazione tedesca. Denunciati e deportati, i genitori morirono ad Auschwitz, ma le figlie furono salvate grazie all'aiuto di Natali. Riconosciuto come Giusto tra le Nazioni nel 2003.

Clotilde Nardini, una governante durante la Seconda Guerra Mondiale, ha nascosto una famiglia ebrea a Capannori, Lucca. È stata riconosciuta come Giusta tra le Nazioni da Yad Vashem nel marzo 2017.

Una governante per angelo custode

Clotilde Nardini, una governante durante la Seconda Guerra Mondiale, ha nascosto una famiglia ebrea a Capannori, Lucca. È stata riconosciuta come Giusta tra le Nazioni da Yad Vashem nel marzo 2017.

Il riscatto da 40mila lire alla banda Carità

Alberto Innocenti e Egisto Romoli, due fiorentini, hanno rischiato la vita per salvare ebrei perseguitati durante la Seconda Guerra Mondiale. Hanno nascosto e protetto diverse famiglie nel loro negozio di stoffe, senza chiedere nulla in cambio. Nel 2012 sono stati riconosciuti come Giusti tra le Nazioni da Yad Vashem.

Più letti
Sport
Autopromo
Autopromo
Autopromo
Meteo Toscana e Umbria
Autopromo
Autopromo
Autopromo
Autopromo