Arezzo, 9 febbraio 2018 - Andrà in scena stasera Il re di Girgenti al Teatro Wanda Capodaglio di Castelfranco Piandiscò venerdì 9 febbraio alle 21. Lo sdpettacolo tratto dal romanzo di Andrea Camilleri per il testo, la regia, e l’interpretazione di Massimo Schuster, e Fabio Monti, racconta un’epica contadina e siciliana, ma non per questo meno universale. Quella de Il re di Girgenti è una storia che va avanti mescolando elementi storici e fiabeschi sullo sfondo della Sicilia dei primi anni del Settecento.

La storia si snoda in un susseguirsi di avvenimenti tragicomici che accompagnano il contadino Zosimo dalla nascita alla morte, attraverso la sua effimera salita sul trono di Agrigento. I numerosi personaggi della storia, alcuni grotteschi, altri profondamente umani, sono innanzitutto dei tipi, delle maschere. Da qui la scelta di mettere in scena dei pupi che, meglio di qualsiasi attore, si adeguano a una drammaturgia al tempo stesso eroica e miseramente quotidiana. Il pupo, che trae la sua forza espressiva dai suoi limiti, è epico proprio in virtù del suo essere monolitico: incapace di uno sviluppo psicologico, ma meravigliosamente in grado di offrirci un verosimile spaccato della nostra condizione umana. Domani invece l’appuntamento sarà con L’inquilina del piano di sopra al Teatro degli Antei di Pratovecchio alle 21. IN scena Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero per la regia di Stefano Artissunch. Agosto, in una torrida Parigi Bertrand e Sophie sembrano gli unici superstiti in un palazzo ormai deserto. Dopo il tragicomico tentativo di suicidio che si trasforma in una grottesca richiesta d’aiuto, “l’inquilina del piano di sopra” Sophie, accetta come ultimo tentativo, la sfida dell’amica Suzanne: rendere felice un uomo, il primo che le capiti a tiro. Jack & Daniel al Teatro di Bucine domani alle 21.15 con Francesco Mancini e Roberto Gioffré.