Lucca Comics & Games
Lucca Comics & Games

Lucca, 13 ottobre 2019 - Numeri già importanti per l’edizione 2019 di Lucca Comics & Games: a poco più di dieci giorni dal via, le prevendite hanno toccato la cifre record di 106mila biglietti, con le punte nei giorni 1 e 2 novembre. Ciò significa che ci saranno meno code alle biglietterie, ma soprattutto che la fiducia del pubblico è in crescente aumento, per la legittima soddifazione dello staff.

Il ghiaccio è rotto: con l’inaugurazione di ieri pomeriggio delle mostre espositive a Palazzo Ducale, Lucca Comics & Games 2019 ha ufficialmente iniziato il suo cammino. Un viaggio che avrà la sua apoteosi dal 30 ottobre al 3 novembre nel centro storico, sulle Mura e sugli spalti di viale Carducci, con l’apertura di tutti i padiglioni che ospiteranno tutto quanto la manifestazione offre ai suoi visitatori. Sei le esposizioni a ingresso gratuito ospitate dalle sale monumentali di Palazzo Ducale, che rendono omaggio ad altrettanti grandi maestri di tutto il mondo (orari dal 12 al 28 ottobre: da lunedì al venerdì ore 15-19, sabato e domenica 10-13 e 15-19; dal 29 ottobre al 2 novembre 9-20, 3 novembre, 9-19). Fiore all’occhiello del programma culturale della manifestazione, le mostre allestite con grande cura e con soluzioni scenografiche e architettoniche sempre nuove e originali, sono state realizzate dallo staff di appassionati, ma professionisti, messi in campo da Lucca Crea.

Il percorso inizia con Barbara Baldi, ‘Lo spessore del silenzio’. Autrice dell’ammiratissimo poster della manifestazione e vincitrice nel 2018 del Gran Guinigi come miglior disegnatrice, Baldi mette in esposizione per la prima volta schizzi e materiale inedito e anteprime dal suo nuovo fumetto in lavorazione, oltre al poster. Nella galleria Ammannati, ‘Jeffrey Catherine Jones - In a Sheltered Corner’, una retrospettiva sul protagonista dei Fab Four della scena americana, premiato a Lucca nel 1976 ricevette il premio come Miglior Artista dell’Anno per la serie a fumetti Idyl. Sceneggiatura in mostra con ‘Alessandro Bilotta - Dalla parte della scrittura’. La scrittura e il rapporto con la tavola finita, in una selezione di tavole dedicate ai suoi personaggi: Mercurio Loi, Valter Buio, Giulio Maraviglia, Povero Pinocchio, La Dottrina e altri. Con ‘Armand Baltazar - Timeless e altre storie’, un viaggio dal cinema d’animazione al primo romanzo illustrato. Tra gli originali in mostra, studi per Il Principe D’Egitto , Spirit , Simbad e La Principessa e il Ranocchio , oltre a lavori realizzati in digitale per Cars 2 , Inside Out , Il viaggio di Arlo . Per la prima volta in Italia, ‘Emil Ferris - Mostri: non lo siamo tutti?’, l’arte di Ferris, Gran Guinigi 2018 per la graphic novel d’esordio ‘La mia cosa preferita sono i mostri’. Infine, ‘Suehiro Maruo - La luna è un buco nel cielo’, prima personale in Italia del maestro del fumetto giapponese tra horror, erotico e grottesco, attraverso 40 originali in bianco e nero e a colori.