Banda Osiris
Banda Osiris

Arezzo 8 giugno 2019 - Forse si salverà solo la dorsale appenninica mengtre tante città come Milano e Firenze potranno vantarsi di lunghe spiagge e di monumenti affacciati direttamente sul mare. Pare questo il destino del nostro pianeta con il progressivo innalzamento del mare dovuto ai cambiamenti climatici. Una prospettiva che già molti scienziato hanno annunciato più che reale, ma anche la scienza può fare spettacolo soprattutto se si condisce con musica, ironia e quello spirito un poò clownesco che solo i grandi professionisti possono sfoggiare. E così la Bamda Osiris sarà stasera sabato 8 giugno alle 21 a Sansepolcro in Piazza Berta con il nuovo spettacolo Aquadueo, ospiti di Aboca e del Festuval dei cammini di San Francesco.  Uno spettacolo che parla di acqua con musica, ironia e scienza. Cinque "scianrziati"  si interrogano in un laboratorio con tavolo di esperimenti, una lavagna gigante ed interattiva, un’infinità di cartelli esplicativi e tante bocce d’acqua che riescono anche a suonare. La canzone “Com’è profondo il mare” di Lucio Dalla guida la narrazione in un palco pieno di plastica, fa eco la canzone della Banda “Oleodotto” in cui si descrivono gli scempi contro il mare. Un po' si scherza ma si fa anche molto sul serio. La Banda Osiris sarà affiancata da Telmo Pievani.

"Il 70 per cento  della superficie terrestre è coperto da acqua, tuttavia per gli esseri viventi sulle terre emerse, uomo incluso, solo una piccolissima parte dell’acqua terrestre è disponibile e a causa delle attività umane la disponibilità sta progressivamente diminuendo - spiegano gli artisti - l’acqua  diventa così pretesto per un viaggio musicale. Un viaggio, tanto scanzonato nei toni quanto profondo nei contenuti, attraverso i problemi che affliggono il nostro Pianeta quali inquinamento, cambiamenti climatici, effetto serra.Perché ormai siamo con l'acqua alla gola". Un omaggio all'acqua, un appello ai grandi della terra e le più belle canzoni di  Lucio Dalla, Roger Waters, Buscaglione, Modugno, Vivaldi e i Beatles.