Cartoon school

Altopascio (Lucca), 12 maggio 2018 - Volge a conclusione il progetto di Avis Toscana "Cartoon School". Il 12 maggio alle 21 al Teatro Puccini di Altopascio il primo di sei appuntamenti sul territorio toscano per mostrare al pubblico le piccole opere animate realizzate direttamente dai ragazzi. Cartoon School è percorso didattico di Avis Toscana, realizzato in collaborazione con l’associazione Koete, che ha portato in molte scuole il messaggio della solidarietà utilizzando il linguaggio dei cartoni animati. Ad Altopascio sono stati coinvolti sessanta alunni di due quinte elementari e di una prima media dell’Istituto Comprensivo.

Giunto ormai al suo quinto anno di realizzazione in sei provincie della Toscana, Avis Cartoon School rappresenta una nuova e innovativa proposta di sensibilizzazione all’interno delle scuole primarie. Infatti, i ragazzi delle classi partecipanti, dopo aver appreso cos'è un cartone animato, quali professionalità ci lavorano e dopo aver incontrato alcuni tra i maggiori professionisti del settore, vengono coinvolti nel percorso con le competenze necessarie alla realizzazione un vero e proprio film d'animazione, interamente scritto, disegnato, sonorizzato, musicato e doppiato da loro stessi. Ad Altopascio, con la collaborazione degli insegnanti, i ragazzi si sono concentrati su un tema attuale, il bullismo e presenteranno al Teatro Puccini “Il morbullo di Billy il bullo”.

Nel cartone animato alcuni alieni scoprono che sulla Terra esiste il bullismo che non è come tutti credono un fenomeno sociale deplorevole ma è, purtroppo, un morbo, una malattia. Gli alieni hanno l'antidoto e inviano un robot sul nostro pianeta per guarire Billy, uno dei casi di bullismo più disperati della galassia! Secondo il presidente di Avis Toscana, Adelmo Agnolucci “Avis Cartoon School è un progetto che ha permesso di agli studenti di elaborare una storia di solidarietà, ma al contempo hanno acquisito competenze e capacità di lavorare in gruppo. Per Avis è stato il tentativo di incontrare i più giovani su un terreno e con dei linguaggi a loro più congeniali. La speranza è che diventino adulti attivi e solidali.”

Il presidente di Avis Altopascio, Nicola Calandriello è molto soddisfatto di questo percorso. "E’ il primo investimento educativo sul tema della solidarietà che Avis fa sul territorio. Il fatto che gli insegnanti e gli allievi abbiano scelto di sviluppare l’attuale tema del bullismo ci fa sperare che si sia gettato un seme per il futuro".

Alla presentazione sono invitati i genitori degli alunni ed è aperto a tutta la cittadinanza. Tra gli ospiti il sindaco Sara D’Ambrosio e il dirigente dell’Istituto Comprensivo Luigi Lippi. L’evento al Teatro Puccini è patrocinato dal Comune di Altopascio e dall’Istituto Comprensivo di Altopascio.