La via Francigena
La via Francigena

Fucecchio, 26 ottobre 2017 - Riflettori accesi sui cammini religiosi, luoghi di riflessione, pellegrinaggio ma anche chiave di accesso per il turismo slow a città e territori. Vedi Fucecchio, pronto sabato 28 ottobre al Teatro Pacini ad accogliere un evento promosso dall’Associazione italiana cavalieri del Tau onlus, dalla Confraternita storica compagnia degli insigniti cavalieri del Tau o di San Jacopo d’Altopascio e dal Comune di Fucecchio. Si tratta di un convegno dal titolo “Francigena e Romea: antiche vie di comunicazione e di pellegrinaggio si incontrano a Fucecchio”.

Il convegno inizierà alle 10.30 e, dopo i saluti del sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli e del presidente dell’associazione italiana cavalieri del Tau onlus, Antonio Martini, entrerà nel vivo con la relazione di monsignor Andrea Migliavacca, vescovo di San Miniato, e gli interventi di Raffaello Cecchetti (Le vie romee e la discesa a Roma degli imperatori per l’incoronazione), del presidente della Fondazione Montanelli Bassi Alberto Malvolti (Via d’acqua e di terra nel territorio fucecchiese fra i secoli XI e XIV), di Veronica Marianelli (La via Francigena del mare) e Isabella Gagliardi (Strade e culti della società medievale).

Dopo una pausa, i lavori riprenderanno alle 14.30 con gli interventi di Nedo Ferrari (La Romea Strata: il tratto longobardo tosco-emiliano da Nonantola alla congiunzione con la Francigena di Fucecchio), di Davide Trentacoste (La viabilità toscana nell’alto medioevo), di Sandro Danesi (Il ruolo della valorizzazione degli antichi tracciati: modelli e buone pratiche) e Massimo Tosi (La via Francigena in Toscana da Pontremoli a Abbadia S. Salvatore).

A chiudere Fabrizio Mandolini (Nuove forme di pellegrinaggio. Alla ricerca dei presepi lungo la via Francigena e le vie romee), coordinatore di Terre di Presepi: durante il periodo natalizio queste strade saranno infatti attraversate dall’iniziativa “Terre di presepi – presepi lungo la via Francigena”. Le conclusioni saranno affidate infine ad Alessandro Valiani, Gran Cancelliere della Storica compagnia degli insigniti Cavalieri del Tau o di San Jacopo d'Altopascio.