Arezzo, 12 luglio 2018 - Festival delle Musiche al via ed è subito un grande incontro. Martedì 17 luglio, ore 21:15, sarà l’Orchestra Multietnica di Arezzo ad aprire il sipario sulla XXIV edizione dello storico festival musicale portando sul palcoscenico dell’Arena Eden un’artista dalla voce inconfondibile: Ginevra Di Marco.

«Questo concerto rappresenta per l’OMA non solo la conclusione di un percorso di studio iniziato in inverno – dichiara Luca Baldini, presidente dell’Orchestra Multietnica e direttore artistico della sezione del Festival dedicata alla contaminazione tra i generi – ma l’incontro con artisti dalla sensibilità straordinaria come Ginevra Di Marco, Francesco Magnelli e Andrea Salvadori. Professionisti del palcoscenico che hanno fatto della ricerca e del dialogo la cifra di una miscela musicale dal sapore unico, ricca di umanità e partecipazione. Percorso affine a quello dell’Orchestra Multietnica di Arezzo che ha portato a una preziosa condivisione d’intenti e che, come auspichiamo, dovrebbe rendere questa prima volta insieme un concerto da conservare nella memoria, nostra e del nostro pubblico».

Ottime ragioni per prendere posto all’Arena Eden o, in caso di maltempo, al Teatro Mecenate di Arezzo per il taglio del nastro del Festival delle Musiche che già da mercoledì 18 si trasferirà in Val di Chiana, a Monte San Savino, per l’inizio degli autorevoli Corsi di Interpretazione Musicale, sotto la direzione artistica di Alessandro Perpich, e il concerto che aprirà la prestigiosa collezione di eventi dedicati alla musica classica del Festival Musicale Savinese presso il Chiostro di Palazzo di Monte, venerdì 20 luglio, con “Nero su bianco – incontro tra parole e musica” con Sara Bonetti (voce) e Carlo benedetti (pianoforte). In attesa del concerto di punta del Festival, venerdì 27 luglio, con le “Canzoni contro la disattenzione” del duo Paolo Benvegnù e Marina Rei.

Da segnalare il prossimo fine settimana il ritorno alla musica antica del Festival con la sua sezione dedicata, Suoni dalla Torre, presso la Torre di Marciano della Chiana, con la storica mostra di liuteria medievale e rinascimentale e i concerti dei gruppi: Ensemble Artistico I Trobadores, Gruppo Vocale Tritonus, Accademia d’Arti Antiche Resonars, Anonima Frottolisti, Coro Giovanile Effetti Sonori, Gruppo Polifonico “F. Coradini” e Orientis Partibus. Direzione artistica di Massimiliano Dragoni per una tre giorni di eventi, dal 21 al 23 luglio, tutti a ingresso libero.

Ulteriori informazioni sui concerti del Festival delle Musiche tra Val di Chiana e Arezzo visitando il sito www.festivaldellemusiche.it. Conclusione sabato 4 agosto. Il Festival delle Musiche è un progetto di Officine della Cultura in collaborazione con AS Monteservizi e Associazione Resonars. Con il sostegno di Regione Toscana e Provincia di Arezzo e l’adesione dei Comuni di Monte San Savino, Marciano della Chiana, Lucignano, Castiglion Fiorentino Cortona, Civitella in Val di Chiana e Foiano della Chiana. Info Festival presso Officine della Cultura 0575 27961 - 338 8431111 - segreteria@officinedellacultura.org. Prevendite: Officine della Cultura - Via Trasimeno 16, Arezzo; Circuito Box Office Toscana; TicketONE. Biglietteria: presso il luogo del concerto, apertura un'ora prima dello spettacolo. Con il contributo di Estra, Coingas SpA, Chimet.