Firenze, 4 settembre 2018 - E' un film molto amato dai fan toscani di Francesco Nuti. A trent'anni dall'uscita di "Caruso Pascoski", la città di Firenze organizza una grande festa per celebrare l'attore e la sua produzione cinematografica. L'appuntamento è per martedì 11 settembre a partire dalle 21 in piazza del Carmine.  l sorriso dolceamaro di Francesco Nuti nei panni dello psicoanalista Caruso Pascoski torna a incantare a trenta anni dall'uscita di questo film cult. L'11 settembre, alle 21 piazza del Carmine, fresca di restyling, sarà infatti teatro di una grande festa. Ci sarà un maxischermo, con la proiezione del film.

Un evento a ingresso libero per rivedere suggestivi scorci fiorentini e rivivere alcune battute tormentone come "Dammi un bacino" e "La mortadella è comunista". Alla serata parteciperanno la figlia Ginevra Nuti e l'attrice Annamaria Malipiero, ex compagna di Francesco Nuti e mamma di Ginevra. Ma anche gli amici del mondo dello spettacolo: Athina Cenci, Alessandro Haber, Giovanni Veronesi, Antonio Petrocelli, Ugo Chiti, Maurizio Frittelli e Sabrina Ferilli.

Questa proiezione è il terzo appuntamento che il Quartiere 1 dedica al grande cinema fiorentino. Nel 2015, vennero festeggiati i 40 anni di Amici miei di Mario Monicelli e nel 2016 il ventesimo compleanno de Il Ciclone, diretto e interpretato da Leonardo Pieraccioni. Entrambi furono proiettati sulla facciata della chiesa di Santo Spirito.

Con questa serata – commenta il sindaco Dario Nardella – vogliamo omaggiare i 30 anni di uno dei film più noti e belli di Francesco Nuti ma soprattutto dare un grande abbraccio, anche se virtuale, a un grande regista e attore purtroppo funestato da alcuni anni da problemi di salute che lo tengono lontano dai palcoscenici. Con noi ci saranno tanti dei suoi amici più cari e i suoi familiari, mentre la rinnovata piazza del Carmine con la sua Chiesa farà da sfondo ideale alla proiezione della pellicola”.