Prato, 7 settembre 2017 – Tutto pronto per il tradizionale Corteggio Storico che venerdì 8 settembre celebrerà i suoi 50 anni di vita. L’otto settembre del 1968, infatti, l’Amministrazione comunale di Prato istituì il primo Corteggio Storico nell’era moderna. In tutti quest'anni la manifestazione si è evoluta e sviluppato senza mai perdere la propria identità, ma inserendo nuovi orari, nuovi gruppi e spettacoli.

Edizione che sperimenterà anche le misure antiterrorismo con restrizioni varie come l'accesso limitato a piazza del Duomo (un solo accesso da Largo Carducci). La mattina dell'8 settembre, come da tradizione, alle 10, alla Basilica di Santo Stefano, il Gonfalone con la rappresentanza comunale parteciperà al Solenne Pontificale.

Seguirà sul sacrato della Cattedrale la cerimonia della “Consegna dei ceri del Comune di Prato alla cappella della Cintola”. Nel pomeriggio,dalle ore 16,30 alle 18,30, alcuni spettacoli animeranno le piazze del centro storico. In particolare in piazza San Francesco verrà allestita la rievocazione di un matrimonio medievale a cura della Corte Pontificale di Avignone che quest'anno sarà ospite della nostra città. In piazza Santa Maria delle Carceri il gruppo “Oplas Teatro” metterà in scena uno spettacolo di teatro danza tratto dal balletto "Il lago dei cigni". Sempre in piazza Santa Maria delle Carceri ci sarà il tiro con le balestre dei Balestrieri di Gubbio.

In alcune vie e piazze del centro storico ci saranno le tradizionali performance di sbandieratori e giochi medievali. Come ogni anno saranno presneti anche i calcianti della Palla Grossa, con rappresentanti di tutti i quattro rioni. La sera alle 20 il Gonfalone del Comune di Prato, salutato dai rintocchi della campana di Palazzo Pretorio "La Risorta", uscirà da Palazzo Comunale con il sindaco, tutte le autorità, le rappresentanze delle città gemellate e si muoverà verso via Santa Caterina, via Banchelli, via Rinaldesca e arriverà in piazza San Francesco dove si aggiungeranno le autorià partite da piazza del Comune. Continuerà poi su viale piave e piazza san Marco, via Mazzini, via Verdi, via Garibaldi, via Santo Stefano, piazza Lippi, canto alle tre gore, via Pier Cironi, via Magnolfi, via Cavallotti, via Guizzelmi, Largo Carducci e giungerà in Piazza del Duomo dove tutti i gruppi in costume e gli ospiti della Città si schiereranno in attesa della cerimonia di Ostensione dal pulpito di Donatello. A l'Ostensione seguirà uno spettacolo pirotecnico musicale.