Daniela Tresconi
Daniela Tresconi

La Spezia, 21 maggio 2020 – Una piccola casa editrice indipendente tra le big dell’editoria. Insieme a 'La legge del sognatore' di Daniel Pennac, 'Il treno dei bambini' di Viola Ardone, 'Quel che si vede da qui' di Mariana Leky, 'La macchina del vento' di Wuming1, 'La ricamatrice di winchester' di T. Chevalier, 'Lungo petalo di mare' di Isabel Allende, 'La Maligredi' di Gioacchino Criaco, 'Cadrò. Sognando di volare' di Fabio Genovesi, 'Buchi nel deserto' di Louis Sachar e 'Il sale della terra' di Jeanine Cummins', c'è anche 'Il Sigillo delle cento chiavi, romanzo di Daniela Tresconi edito da Panesi edizioni. Il libro dell'autrice spezzina è entrato nella rosa dei possibili vincitori del premio 'Libro LaAV dell’anno', insieme a Feltrinelli, Einaudi e Battello a vapore. Il mistery storico ambientato tra Arcola e Pitelli, è stato segnalato dagli oltre 600 iscritti ai singoli circoli LaAv di tutta Italia, come miglior romanzo del 2020 tra quelli che maggiormente rispondono a criteri di qualità narrativa e che si prestino anche ad essere letti, in parte, o meglio integralmente, ad alta voce, in uno o più dei servizi target di LaAV e che possibilmente affrontino tra le varie tematiche il potere della lettura o delle storie. Un totale di 11 titoli, che verranno valutati dalla giuria tecnica per scegliere i tre finalisti. “Sono rimasta senza parole – commenta l’autrice – quando sono venuta a conoscenza di essere tra i possibili candidati alla vittoria, credo che sia un grande successo non solo per me ma soprattutto per la piccola editoria e le case editrici indipendenti. Ringrazio tutti i lettori che mi hanno segnalato e le numerose associazioni, biblioteche e librerie che mi hanno permesso di presentare il mio romanzo per farlo conoscere al pubblico, il Cif di Brugnato, la pro loco di Pitelli e la libreria Piccadilly di Ameglia con la quale abbiamo organizzato moltissimi eventi nel corso della scorsa estate. Non mi resta che incrociare le dita, anche se per me questo risultato è già un enorme successo”.

Questa la trama del libro: Golfo della Spezia, fine del ‘500. Due frati e il giovane novizio Sebastiano abbandonano la cappella di San Bartolomeo delle cento chiavi alla marina dopo averla data alle fiamme. Conducono con loro due preziose teche: una verrà custodita nelle viscere della collina mentre l’altra verrà portata a Francoforte in Germania dal giovane Sebastiano e dall’intraprendente Camillea. Il segreto su un misterioso quadro e sul contenuto delle due teche sarà protetto nei secoli dagli appartenenti alla Confraternita delle cento chiavi. Francoforte (Germania), oggi. Il giovane Sebastien eredita da nonna Sibille uno scrigno che contiene uno sconvolgente segreto. Il ragazzo intraprenderà un viaggio in Italia, nel piccolo borgo di Pitelli in Liguria, alla ricerca del suo passato e di quello di un’intera comunità, trovando invece il suo futuro e l’amore di una giovane donna. Sceglieranno di continuare a proteggere il segreto.

Daniela Tresconi vive ad Arcola dove lavora come dipendente pubblica, è una giornalista e fa parte dello staff del Magazine L’Ordinario di Lucca; è socia dell’associazione culturale viareggina Nati per scrivere e ha prodotto vari racconti, come 'La farfalla dorata' inserito nell’antologia 'Tutta colpa dello zodiaco' (NpsEdizioni 2018), 'Lo spartito del diavolo' inserito in 'Jukebox Racconti a tempo di musica' (NpsEdizioni 2017) e 'Lettera al mare' inserito in 'Pensieri di Mamma' (Panesi edizioni 2017). A dicembre di due anni fa è uscito il suo libro per bambini dal titolo 'Il piccolo faro e il delfino Blu' (NpsEdizioni), mentre risale all'anno precedente il suo romanzo d’esordio, il mistery storico 'La linea del destino' distribuito da Panesi Edizioni.

Marco Magi