Sci, Toscana pronta al via della stagione. "Il virus non ci fermerà"

Dall'Abetone all'Amiata si spera di aprire le piste a fine mese o a inizio dicembre. Il vero slalom sarà attorno al covid. "Il nostro sport è meno pericoloso degli altri"

Abetone, impianto di risalita (foto di repertorio)
Abetone, impianto di risalita (foto di repertorio)

Firenze 20 novembre 2020 - La prima stagione sciistica con lo slalom non attorno ai paletti, ma attorno al covid. Le stazioni toscane dell'Appennino settentrionale (Abetone, Valdiluce) e l'Amiata  sono pronte all'innevamento artificiale non appena le temperture scenderanno e consentiranno di "sparare" con i cannoni, prologo per l'apertura degli impianti e delle piste. Ma il termometro non sarà il solo ostacolo di questo inverno: c'è il covid a mettere i ... bastoncini fra le ruote di chi scia. I gestori non si scompongono. Mentre attendono che il gruppo interparlamentare della montagna prepari il protocollo per sciare in sicurezza, si adottano le cautele muovendo da un punto di partenza indiscutibile: "Sciando  si rispettano le distanze naturalmente. Questa disciplina è meno pericolosa delle altre".

Vediamo come le località toscane si preparano al via della stagione sciistica.

 

Abetone / "Sicurezza nelle risalite, aspettando il grande freddo" 

Formento: "Razionalizzeremo il trasporto verso monte e le discese. Presto il protocollo nazionale"  LEGGI L'ARTICOLO

 

Amiata senese  / "Cannoni più potenti e impianti individuali per divertirsi senza rischi"

Stefano Papi: "Con la nuova torre di raffredamento miglior innevamento artificiale. E senza rifugi niente assembramento"  LEGGI L'ARTICOLO

 

Amiata ovest / "Contro il covid skilift online e maestri con la mascherina"   

Roberto Fabiani: "Le seggiovie scoperte ci avvantaggiano rispetto alle stazioni dove si risale con mezzi collettivi" LEGGI L'ARTICOLO 

Sciatori all'Abetone