ANTONIA CASINI
Cronaca

Violenza in zona stazione: "Dacci i soldi". E gli lanciano bottiglie in testa

Un 25enne ferito, un coetaneo denunciato, ma si cercano i complici. Da oggi in vigore lo stop all’alcol. Al setaccio le immagini delle telecamere

La polizia (le Volanti) è intervenuta in zona Stazione per una presunta rissa, ma era una tentata rapina (foto repertorio)

La polizia (le Volanti) è intervenuta in zona Stazione per una presunta rissa, ma era una tentata rapina (foto repertorio)

Pisa, 15 ottobre 2023 – Da oggi entra in vigore l’ordinanza del sindaco Conti in zona Stazione: stop (per sei mesi) alla vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche nei minimarket, negli esercizi di vicinato e nei distributori automatici nelle strade ed aree pubbliche . Poche ore prima un altro episodio violento, proprio in quella zona. E’ quasi l’una, la pattuglia della polizia di Stato impegnata nel servizio serale di controllo del centro storico, vine chiamata nella piazza principale "per una rissa tra più persone".

Ma, una volta arrivati, gli agenti della volante hanno verificato che in realtà c’era stato un tentativo di rapina, vittime alcuni giovani stranieri. I poliziotti insieme ai militari dell’esercito di Strade sicure, hanno individuato tre uomini: un 25enne di origini tunisine con precedenti per reati di stupefacenti; il secondo un 25enne di origini sudafricane, in compagnia di un terzo, coetaneo del secondo di origini irlandesi ma residente in Garfagnana. Quindi, hanno cercato di ricostruire quello che era successo: gli ultimi due, mentre camminavano sotto al loggiato di Galleria Gramsci, hanno raccontato di essere stati avvicinati da un gruppo di cittadini nord africani: "Dateci soldi e telefono", li hanno minacciati. Gli altri si sono rifiutati. A quel punto i componenti della banda hanno lanciato nei loro confronti alcune bottiglie di vetro. Il giovane irlandese è stato colpito alla testa e soccorso da un’ambulanza, aveva una lieve ferita, ma ha rifiutato di essere trasportato in ospedale.

Il secondo identificato, sudafricano, ha sporto querela, precisando di aver riconosciuto il primo fermato dagli agenti (tunisino) come uno dei responsabili della tentata rapina. Così l’uomo è stato denunciato per questo reato e per le lesioni in concorso con altre persone che si stanno ancora cercando. E’ stato poi messo a disposizione dell’ufficio immigrazione per le procedure di espulsione dall’Italia. Sono in corso le indagini anche attraverso le immagini delle telecamere che si trovano nel quartiere della Stazione.