Lavori alla scuola media Niccolò Pisano: il parere delle famiglie

L'assessore Buscemi: "Abbiamo i dati che ci consentono di organizzarci al meglio e limitare il disagio alle famiglie durante i lavori per la realizzazione della nuova scuola".

Uno scuolabus di Pisa

Uno scuolabus di Pisa

Si è concluso il sondaggio alle famiglie della scuola media Niccolò Pisano di Marina di Pisa che, dal prossimo anno scolastico, sarà interessata da una serie di lavori di demolizione e ricostruzione ex novo dell’intero edificio di via Andò. Il progetto è stato possibile grazie ai fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza intercettati e integrati dal cofinanziamento del Comune di Pisa per un totale di 7,7 milioni di euro. Il Dirigente dell’Istituto Comprensivo "Niccolò Pisano", Lucio Bontempelli, ha inviato nei giorni scorsi all’Amministrazione Comunale i risultati del sondaggio, sollecitato da Palazzo Gambacorti, al fine di organizzare i servizi di collegamento tra Marina di Pisa e la sede provvisoria di Calambrone, luogo in cui saranno trasferiti gli alunni per l’intera durata dei lavori di ricostruzione. Al sondaggio per la scelta sulle modalità di trasferimento hanno risposto ben centotrentacinque famiglie su centosettant’otto. Di queste, trentacinque hanno optato per il servizio scuolabus a pagamento che preleva i bambini vicino alla propria abitazione, ventitré per il trasporto pubblico gratuito (con abbonamento pagato dal Comune) utilizzando gli autobus di linea di Autolinee Toscane, sessantanove hanno scelto il servizio di navetta gratuito dalla scuola di Marina alla scuola di Calambrone, mentre otto hanno indicato che raggiungeranno Calambrone con mezzi propri. Adesso gli uffici, su mandato dell’assessorato alla scuola, potranno elaborare i servizi da attivare per garantire lo spostamento degli alunni alla scuola provvisoria e organizzare la pubblicazione prima possibile del bando per il trasporto scolastico. “Abbiamo finalmente a disposizione – spiega l’assessore alla scuola del Comune di Pisa Riccardo Buscemi – i dati che ci consentono di organizzarci al meglio e limitare il disagio alle famiglie durante i lavori per la realizzazione della nuova scuola. Peccato che al sondaggio inviato dal dirigente scolastico non abbiano risposto ancora quarantatre famiglie, ma cercheremo di organizzarci comunque per garantire il servizio a tutti gli alunni. Nei prossimi giorni – conclude l’assessore Buscemi - l’Amministrazione comunale fornirà ulteriori aggiornamenti alle famiglie.”