SAVERIO BARGAGNA
Cronaca

Un condominio da incubo tra spacciatori e abusivi: blitz della polizia municipale

Nel mirino degli agenti un palazzo di via Quarantola. Droga in un appartamento, un secondo occupato e guai negli scantinati

Polizia locale

Polizia locale

Pisa, 21 ottobre 2023 – Almeno tre piani di quel condominio di via Quarantola ospitavano attività illegali. Per questo la polizia municipale ha operato un triplice blitz scacciando abusivi e trovando numerose prove di attività di spaccio.

Gli episodi riguardano un edificio di case popolari e nello specifico uno degli appartamenti che – ormai da tempo –, gli agenti del Nosu tenevano sotto osservazione. Diverse persone, infatti, avevano notato strani movimenti e un via vai di soggetti estranei ai residenti. In special modo, secondo le testimonianze, in quella casa confluivano nordafricani già conosciuti in ambienti legati alla droga, ma anche italiani con problemi legati alla dipendenza.

Un semplice controllo anagrafico ha permesso agli agenti di sorprendere nell’alloggio un cinquantenne italiano, legittimo assegnatario della casa accompagnato però da tre tunisini, clandestini e pregiudicati.

Uno di essi, al momento del controllo, si è finto minorenne per sottrarsi ai provvedimenti restrittivi o all’espulsione, ma è stato smascherato dall’esame osseo del polso, eseguito al pronto soccorso, che ha rivelato – senza dubbio – la sua maggiore età.

Nella casa inoltre sono state trovate chiare tracce di consumo di sostanze e la perquisizione ha permesso di rinvenire dieci grammi di cocaina pura ancora da tagliare, alcuni grammi di hashish, un bilancino di precisione e diverso materiale per il confezionamento delle dosi. Tutte e quattro le persone nella casa sono state denunciate per detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio, mentre il sedicente minorenne ha rimediato anche una denuncia per false dichiarazioni rese ad un pubblico ufficiale.

Durante lo stesso controllo gli agenti del Nosu si sono accorti che – dal piano superiore – colava acqua lungo il muro delle scale. Gli agenti hanno così scoperto che ignoti, dopo aver occupato abusivamente un appartamento sfitto e in attesa di essere assegnato, avevano aperto con un pappagallo il tubo dell’acqua presente sulle scale per approvvigionarsi senza però provvedere a richiuderlo. Ieri quindi la municipale ha provveduto allo sgombero dell’alloggio, dove si erano introdotti due italiani, un uomo e una donna (che aveva falsamente dichiarato di essere incinta), con chiusura ad opera di una ditta specializzata in attesa della prossima assegnazione.

Da ultimo anche le cantine del condominio sono stati trovati inequivocabili segni della permanenza di persone dedite ad attività legate allo spaccio ed al consumo di stupefacenti. I controlli in via Quarantola verranno ripetuti ed estesi a tutti i condomini di proprietà comunale.