Successo di pubblico per THiNK a Figline Valdarno

La quarta edizione del festival della cultura digitale registra il record di presenze. Molto apprezzati la mostra dei videogame vintage,i tornei e i workshoè

Anche i più piccoli apprezzano i giochi vintage a THiNK

Anche i più piccoli apprezzano i giochi vintage a THiNK

Figline e Incisa (Fi), 13 maggio 2024 - Era evidente già dal primo giorno che la quarta edizione di ThiNK, il festival della cultura digitale di Figline, avrebbe superato il record di presenze. Complice il bel tempo e il tema dell’intelligenza artificiale, in migliaia si sono riversati nel centro del paese per partecipare a workshop, giochi liberi, tornei, esperienze VR, richiedere assistenza digitale e mangiare allo street food. Molto apprezzato anche il “palazzo delle esperienze" al Pretorio di Figline, dove oltre alla mostra sulla storia dei videogame, era possibile interagire e giocare con vecchi videogame, flipper, cabinati vintage, ascoltare musica su un jukebox, viaggiare nel metaverso, grazie ai visori con giochi ed esperienze artistiche, giocare a Think invasion, istruire l’intelligenza artificiale e aiutarla a dettare l’agenda del Paese, nei panni di presidente della Repubblica. Molto partecipata anche la tavola rotonda (con aperitivo, accompagnato dal gruppo musicale The Lorean) di sabato pomeriggio a villa Casagrande, moderata dal giornalista Marco Pratellesi, con – tra gli altri - il giornalista Luca Telese e Alberto Mazzoni dell’Istituto Biorobotica Sant’Anna di Pisa. Centoventi i partecipanti quasi tutti under 30 al concerto dei musicisti Legno al teatro Garibaldi. Per dare qualche numero, oltre 500 i partecipanti tra workshop e tavola rotonda, tra cui spiccano anche gli studenti delle scuole superiori del territorio attirati sia dalla parte ludica che dall’approfondimento. Circa 300, invece, gli accessi alla facilitazione digitale dello stand del Punto digitale facile, dove i bambini si sono divertiti a ritirare dei gadget brandizzati “Think” girando la Digiruota. Apprezzatissimi , anche i laboratori (su intelligenza artificiale e robotica) alla biblioteca Ficino: 353 le presenze e 109 le operazioni di prestito nei tre giorni di Festival. Gettonatissimo anche il selfie wall “Le ali di Think”, realizzato (sfruttando AI e realtà aumentata) dall’artista Cecilia Lascialfari che è voluta esser presente al Think Festival per spiegare di persona il funzionamento dell’opera. In tanti, inoltre si sono fermati davanti al camper dello Psicologo on the road di Studio Psiche parcheggiato in piazza, con tanto di tavolini, attirati dal cartello “Da quanto tempo nessuno di ascolta? Siediti con noi”. Applauditi i due ospiti di eccezione Simone Cicalone, ex pugile e content creator noto per la sua “Scuola di botte”, e Davide Abbate alias il 90mber, organizzatore di eventi a tema gaming e noto per le sue coinvolgenti “telecronache” a tema. Entrambi hanno partecipato alle finali dei tornei di gaming e a dei workshop, rispettivamente su psicologia ed e-sport e sul lavoro nel digital.  

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro