Siena, 16 luglio 2020 - E' cominciato il lento risveglio di Alex Zanardi dal coma indotto dopo l'incidente del 19 giugno. Le condizioni rimangono gravi e ora serviranno alcuni giorni ai medici per capire quale sia la situazione neruologica. Questo emerge dall'ultimo bollettino medico diffuso dall'ospedale Le Scotte di Siena.

Leggi anche: "Non mollare", la lettera della cugina / "Così abbiamo operato Zanardi" / L'handbike sotto esame / "Ho filmato l'incidente

E' iniziato dunque una diminuzione del dosaggio dei farmaci che tengono in coma il campione di handbike ed ex automobilista. Una fase lenta e delicata nella quale l'equipe multidisciplinare valuterà momento per momento le condizioni. Il tutto "per permettere ogni prosecuzione del suo percorso terapeutico e riabilitativo".

"Attualmente - si legge ancora nel bollettino - rimangono stabili i parametri cardio-respiratori e metabolici, permane grave il quadro neurologico e la prognosi rimane riservata". Alex Zanardi è ricoverato alle Scotte di Siena da ormai un mese. Era venerdì 19 giugno quando avvenne il tremendo scontro con un camion nel territorio comunale di Pienza.

Zanardi era sulla sua handbike e stava partecipando a una staffetta benefica con altri amici in handbike e in bicicletta nell'ambito di una manifestazione per un messaggio di ripartenza e speranza dopo i terribili mesi del lockdown. 

La dinamica sembra ormai chiara: Zanardi ha perso il controllo della handbike ed è andato a sbattere contro il camion: da qui il gravissimo trauma cranico.