Venerdì 5 giugno mascherine gratis in edicola (Acerboni/Foto Castellani)
Venerdì 5 giugno mascherine gratis in edicola (Acerboni/Foto Castellani)

Firenze, 4 giugno 2020 - Da domani le edicole della Toscana diventano ancor più un punto di riferimento non solo per l’acquisto di giornali e riviste, ma anche per il ritiro delle nuove tranche di mascherine distribuite gratuitamente dalla Regione. Un’operazione semplice e importante, che ha visto La Nazione in prima linea, perché si potesse arrivare in tempi brevi all’accordo promosso dalla Regione e siglato dalle associazioni e dai sindacati dei giornalai, insieme ai rappresentanti delle agenzie di distributori, in modo da coinvolgere capillarmente tutta la rete di rivendite sul territorio.

"La Toscana è l’unica regione in Italia che ha distribuito gratis le mascherine ai cittadini – spiega il presidente della Regione, Enrico Rossi - . Da aprile ne sono state consegnate circa 60 milioni: 45 nelle farmacie, 4,5 nella grande distribuzione e 11 dai Comuni. Ora proseguiamo nelle edicole, vero avamposto di servizi, rimasto aperto anche nei momenti più difficili dell’emergenza".

"Si tratta di un’operazione fortemente voluta dalla dirigenza de La Nazione – spiega l’editore della Poligrafici Editoriale e presidente della Federazione Italiana Editori Giornali (Fieg), Andrea Riffeser Monti -. È la riprova che, grazie all’impegno del corpo redazionale, il giornale rappresenta per le istituzioni un partner civico".
 

Moltissimi punti vendita di giornali e riviste (fra gli oltre 1.200 presenti in Toscana) hanno già aderito all’iniziativa e altri si aggiungeranno. Ma come funziona in pratica l’iniziativa? Da domani sarà distribuito gratuitamente, in media, un milione di pezzi al giorno con l’obiettivo di fornire a ciascun richiedente 10 mascherine subito, divise in pacchetti da 5. Altre 20/30 mascherine, in base alla disponibilità, verranno date entro fine mese. Per evitare problemi o accaparramenti, la consegna sarà tracciata con la massima trasparenza. Per ricevere il prodotto, i cittadini dovranno mostrare all’edicolante la propria tessera sanitaria. Questa verrà "letta" attraverso una App, collegata con i server della Sanità toscana e utilizzabile tramite smartphone, tablet o pc.
 

Lisa Ciardi