Impianti aperti all’Abetone: "Piste gremite, una partenza sprint. Si potrebbe sciare fino ad aprile”

Gli impiantisti di Abetone, Val Di Luce e Doganaccia soddisfatti: "Un dono dal cielo e lavoro di squadra". Prezzi bloccati e servizi aumentati: "Superato l’anno più duro. In tre giorni si prevedono oltre 10mila passaggi"

Abetone, 9 dicembre 2023 – Un ponte dell’Immacolata che non si vedeva da anni. Abetone, Val di Luce e Doganaccia ripartono in grande stile grazie a una eccellente programmazione dell’innevamento artificiale valorizzato da un robusto strato di neve naturale; nel pomeriggio di ieri valutabile abbondantemente sopra i venti centimetri. La situazione meteorologica degli scorsi anni non aveva permesso l’apertura degli impianti nel tradizionale ponte dell’Immacolata. L’apertura di quest’anno è stata in grande stile, tant’è vero che si prevedono oltre 10mila passaggi sui soli impianti della Saf, come sottolineato da Rolando Galli, a cui aggiungere quelli di Doganaccia e Val di Luce. "Per fortuna quest’anno la neve ci ha permesso l’inizio della stagione invernale nel giorno dell’Immacolata - ha detto il sindaco di Abetone Cutigliano, Marcello Danti - Gli impianti di proprietà del Comune sono stati affidati con gara al consorzio Multipass che garantirà per due anni l’esercizio. La neve ha imbiancato tutte le montagne con un bello spettacolo e le piste sono state integrate dall’innevamento programmato in modo da garantire i collegamenti di tutto il comprensorio. Già da giovedì c’era un discreto afflusso di auto e gli alberghi registravano un ottimo livello di presenze. Anche alla Doganaccia è tutto pronto per la partenza con un buon innevamento". Rolando Galli, storica voce della Società Abetone Funivie afferma: "Siamo molto soddisfatti dell’afflusso odierno e speriamo, viste le previsioni che danno per sabato e domenica una fase ideale, la situazione evolva in modo ancora migliore. Abbiamo visto tantissime persone, forse incentivate dal costo molto competitivo degli impianti, infatti non ci sono stati aumenti, mentre la qualità dell’offerta è cresciuta, d’altronde, stiamo dando più dell’arco alpino a un costo che, quest’anno si attesta alla metà del loro. Ho parlato con tante persone che hanno confermato quanto abbiamo lavorato bene. Il fatto che quasi tutti gli impianti siano aperti è la conferma che Abetone è ormai la sintesi perfetta tra un eccellente marchio di qualità e la sua convenienza".

Non poteva mancare la testimonianza del massimo esperto italiano della neve, Giampiero Danti: "Il mix tra neve naturale e artificiale è eccezionale, con il fondo che abbiamo creato e quello che si sta formando oggi, guardando in prospettiva possiamo ipotizzare piste aperte fino alla fine di aprile. Niente a che vedere con le precipitazioni storiche di sei o sette metri ma, nemmeno con il disastro degli ultimi anni". Andrea Formento, dalla Val di Luce si manifesta soddisfatto: "Bene, se le cose devono andare così possiamo solo dire che la stagione è iniziata bene. Il meteo di oggi non è stato bello come quello di ieri ma va bene così. Se dobbiamo individuare qualche criticità possiamo parlare della viabilità che non è stata gestita al meglio, c’è sicuramente bisogno di migliorare la sinergia tra i vari soggetti preposti, si devono coordinare Comune, Provincia, Anas e eventuali altri per superare i disagi. Anche chi sale in montagna deve attrezzarsi con catene o gomme adeguate, per non mettersi in difficoltà o creare disagi alla circolazione. Avere presenze che nei tre giorni oscillano tra le 10 e le 15mila, ci impone di avere soluzioni adeguate. Ovviamente tutto va visto nell’ottica del miglioramento dell’offerta, lo scorso anno guardavamo l’erba sui prati e quest’anno ci godiamo sciate fantastiche, la differenza reale sta in questo. Siamo in un posto bellissimo e dobbiamo rendercene conto. Mettiamo al bando le polemiche e dedichiamoci alle proposte, quelle utili a disegnare il futuro del nostro meraviglioso comprensorio".