"Così ho superato la mia timidezza"

Selene Mazzoni describes her experience of doing civil service at the Vico library as enriching and life-changing, helping her overcome shyness and gain valuable work and personal skills. She recommends it to others but suggests better promotion and increased hours and reimbursement.

"Così ho superato la mia timidezza"
"Così ho superato la mia timidezza"

Nella biblioteca di Vico, insieme a Desi e Federica ha svolto il servizio civile anche Selene Mazzoni.

È stata una bella esperienza?

"Me la porterò a vita nel mio bagaglio personale. Mi ha arricchita in tanti ambiti personali oltre che lavorativi: ho superato la timidezza, sono riuscita a interagire con gli altri con più facilità ed entusiasmo, ho conosciuto persone che mi hanno lasciato qualcosa, mi ha dato modo di entrare nella quotidianità delle persone e mi ha dato modo di vedere il dietro le quinte".

Quale ragione l’ha portata a fare il servizio civile? "Avevo bisogno di una ventata di aria fresca dopo l’università e di conoscere più approfonditamente quello che succede al di là del bancone, avendo avuto solo esperienza della biblioteca come utente".

Cosa le è rimasto di più del servizio civile?

"Lo spirito che si crea con i colleghi e con chi viene in biblioteca, le connessioni con le persone, il rapporto umano e la sensazione di comunità".

L’esperienza l’ha aiutata nel percorso lavorativo?

"Sì. Perché mi ha permesso di entrare nel mondo del lavoro e sono in forze proprio in questo settore".

Lo consiglia?

"Assolutamente! Ti arricchisce a livello umano, oltre che darti in presa diretta uno spaccato preciso del settore in cui lo svolgi. Ti fa mettere le mani in pasta".

Cos’è che invece migliorerebbe?

"Cercherei di pubblicizzarlo di più. Molte persone che conosco non sapevano che esistesse o che si estendesse a più enti. Integrerei il numero di ore e il rimborso spese, anche se ho notato che è stato aumentato da quando ho svolto io il servizio civile".

M. F.