Consiglio Cittadino per le Pari Opportunità: eletta presidente Silvia Silvestri

La conferma è arrivata durante la prima riunione del Consiglio, avvenuta martedì 30 gennaio

L'assessore Porcaro con la presidente Silvestri

L'assessore Porcaro con la presidente Silvestri

Pisa, 31 gennaio 2024 – Si è svolta martedì 30 gennaio la prima seduta del nuovo Consiglio Cittadino per le Pari Opportunità, organo consultivo del Consiglio Comunale di Pisa. A presiederla, come da regolamento, l’assessore alle Pari Opportunità Gabriella Porcaro che ha accolto in Sala delle Baleari 44 delle 51 donne che compongono il Consiglio Cittadino per le Pari Opportunità in quanto hanno risposto a uno specifico bando pubblicato dal Comune di Pisa.

Nel corso della seduta sono state elette la presidente le due vicepresidenti dell’organo. Come presidente è stata rieletta Silvia Silvestri; sono state invece elette vicepresidenti Francesca Muratorio e Ivana Cerato.

“Ieri pomeriggio – dichiara l’assessore alle pari opportunità Gabriella Porcaro - è stata convocata la prima riunione del Consiglio Cittadino Pari Opportunità che ha visto quale primo atto formale (ai sensi dell'art.3 del Regolamento del Consiglio Cittadino) l’elezione nel proprio ambito di una Presidente e di due Vicepresidenti. Si è dato avvio ad una presenza di servizio molto importante per la nostra Comunità locale. L’obiettivo delle Pari Opportunità merita infatti di essere considerato nella sua trasversalità e inclusività rispetto alle diverse politiche di intervento. Sono fortemente convinta che il Consiglio Cittadino pari opportunità possa dare operatività ed efficacia ad una programmazione di attività secondo l’obiettivo 5 dell’Agenda 2030 che si focalizza sui temi della parità delle donne, delle disparità economiche, del contrasto alla violenza di genere e della valorizzazione del ruolo della donna garantendo diritto di accesso ad ogni livello decisionale in ambito politico, economico e della vita pubblica”.

“Si tratta di temi che sono ispirati anche dagli articoli 3 e 37 della nostra Costituzione che suggeriscono al Consiglio Cittadino di adottare azioni positive per valorizzare e dare espressione alla differenza di genere per rimuovere gli ostacoli che, di fatto, costituiscono discriminazione diretta e/o indiretta nei confronti delle donne. Il tema delle Pari Opportunità così come quello in generale dei diritti, della lotta alle discriminazioni, dell’integrazione di tutte le cittadine e tutti i cittadini deve essere visto come il ‘faro’ della nostra azione amministrativa su ogni scelta politica. Le domande presentate dalle consigliere mi hanno permesso di cogliere molteplici sfumature che denotano ed evidenziano fattività, concretezza e consapevolezza”.

“Tutte le donne che fanno parte del consiglio hanno delle esperienze alle spalle da mettere a disposizione, vengono dal mondo dell’associazionismo e dimostrano di avere un reale interesse verso le tematiche rispetto alle quali dovremo andare a ragionare. I presupposti per lavorare e lavorare bene, pertanto, mi pare ci siano tutti. Spero che si riescano a migliorare alcuni aspetti della vita della nostra città, che si riescano a far emergere criticità e problemi, per poter lavorare a soluzioni rispondenti alle reali esigenze della nostra comunità. Da parte nostra c’è la volontà di mettersi al servizio della comunità. Ringrazio tutte le Consigliere e coloro che hanno accettato il ruolo di rappresentanza e di interazione con il Consiglio Comunale e rivolgo i miei migliori auguri di buon lavoro alle neolette: la ‘residente Silvia Silvestri e alle due vicepresidenti Francesca Muratorio e Ivana Cerato”.

“Esprimo soddisfazione e ringrazio tutte le colleghe del Consiglio Cittadino che con il loro voto hanno deciso di riconfermarmi in questo incarico – dichiara la rieletta presidente del Consiglio Cittadino delle Pari Opportunità, Silvia Silvestri -. Purtroppo nello scorso mandato molte delle iniziative e dei progetti su cui avevamo lavorato e che avremmo realizzato sono state bloccate a causa dell’irrompere nelle nostre vite della pandemia. È quindi importante riprendere il percorso da dove lo avevamo lasciato e dare il nostro contributo su molti importanti temi, primi tra tutti quelli della violenza di genere e del cyberbullismo, un fenomeno purtroppo sempre più in crescita tra giovani e giovanissimi e legato all’uso massiccio dei social. È necessario andare ad interagire e formare i ragazzi direttamente nelle scuole con iniziative dedicate e con il coinvolgimento di tutte le istituzioni. C’è poi la necessità di intervenire sul tema delle disparità salariali e della difficoltà di accesso a determinate posizioni lavorative, senza dimenticare altre grandi questioni come le guerre attualmente in corso nel mondo che dimostrano ancora una volta come in certe situazioni siano donne e bambini a pagare il prezzo più alto”.

Il Consiglio è formato dall'assessore con delega alle Pari Opportunità e da chi ne faccia richiesta tra le assessore, le elette nel Consiglio Comunale, i presidenti dei Comitati Unici di Garanzia di Comune, Provincia e Università e dei Comitati Pari Opportunità di enti pubblici e privati. È formato inoltre dalle rappresentanti delle organizzazioni politiche, sindacali e dalle associazioni presenti e operanti sul territorio comunale e costituite da almeno due anni. Le componenti del Consiglio Cittadino restano in carica fino allo scadere del Consiglio Comunale.

Il Consiglio Cittadino svolge in un'ottica di genere funzioni consultive, propositive e conoscitive, riguardo le tematiche di competenza di tutti gli organi di governo della Città (Consiglio Comunale, Sindaco/a, Giunta). In particolare esprime pareri sul bilancio, sul piano strutturale, sul regolamento urbanistico e in generale sui documenti di programmazione. Può esprimere parere su ogni altro atto amministrativo di rilevante e diretto interesse per le finalità del Consiglio Cittadino. Ha poteri propri di iniziativa nel formulare al/alla Sindaco/a, alla Giunta e al Consiglio Comunale specifiche proposte.