MONICA PIERACCINI
Economia

Bonus colonnine elettriche, dal 19 ottobre il via alle domande

Il contributo può essere richiesto per le installazioni effettuate da ottobre a dicembre 2022. L'importo massimo è di 1.500 euro per le persone fisiche e fino a 8mila euro per i condomini

Una colonnina di ricarica

Una colonnina di ricarica

Firenze, 17 ottobre 2023 – Dalle ore 12 di giovedì 19 ottobre e fino alle 12 del 2 novembre 2023 sarà possibile presentare domanda sul sito Invitalia per ottenere il bonus colonnine elettriche domestiche, che consiste in un contributo pari all'80% delle spese ammissibili. Se richiesto da persone fisiche può essere al massimo di 1.500 euro, mentre si arriva fino a 8mila euro in caso di condominio. Le domande dovranno riguardare le colonnine installate tra il 4 ottobre e il 31 dicembre 2022. Saranno successivamente comunicate le modalità di richiesta de contributo per quelle installate invece a partire dal 1 gennaio 2023.

Cos'è il bonus colonnine elettriche domestiche

Il bonus colonnine domestiche sostiene l'acquisto e la posa in opera di infrastrutture standard per la ricarica di veicoli elettrici effettuati da persone fisiche e condomini. Il contributo in conto capitale è concesso dal ministero delle Imprese e del Made in Italy e prevede una dotazione finanziaria di 40 milioni, più altri 40 milioni per l'acquisto e la messa in posa delle infrastrutture di ricarica elettrica effettuati dal 1 gennaio 2023.

Chi può richiederlo

Il bonus è destinato ad utenti domestici, che possono essere persone fisiche residenti in Italia o condomini, rappresentati dall’amministratore pro tempore o da un condomino delegato, per le parti di uso comune.

Le spese ammissibili

Il contributo può essere richiesto a fronte delle spese sostenute per l'acquisto e la messa in posa di infrastrutture di ricarica di potenza standard. In dettaglio, sono ammissibili al contributo:

  • l'acquisto e la messa in opera di infrastrutture di ricarica, comprese le spese per l'installazione delle colonnine, gli impianti elettrici, le opere edili strettamente necessarie, gli impianti e i dispositivi per il monitoraggio;
  • spese di progettazione, direzione lavori, sicurezza e collaudi;
  • costi per la connessione alla rete elettrica, tramite attivazione di un nuovo Pod (point of delivery).

Non sono comprese le spese per imposte, tasse e oneri di qualsiasi genere, quelle relative a terreni e immobili, le spese per costi relativi ad autorizzazioni edilizie, alla costruzione e all'esercizio. Le spese devono essere state effettuate con pagamento tracciabile.

Colonnine, quali caratteristiche devono avere

Per ottenere il bonus, le colonnine installate devono essere nuove di fabbrica, di potenza standard, collocate nel territorio italiano e in aree nella piena disponibilità dei soggetti beneficiari, realizzate secondo la regola d'arte ed essere dotate di dichiarazione di conformità. Inoltre, le colonnine devono essere ad esclusivo uso privato (o dei soli condomini se viene richiesto da un condominio) e non accessibili al pubblico.

Come presentare la domanda

Per richiedere il bonus è necessario accedere con Spid o carta di identità elettronica o carta nazionale dei servizi al link che sarà comunicato nelle prossime ore da Invitalia. Sarà quindi richiesto di compilare la domanda in ogni sua parte. E' richiesto un indirizzo pec (posta elettronica certificata) attivo.

Quando viene erogato il contributo

La concessione del contributo, nel limite delle risorse finanziarie disponibili, avviene entro 90 giorni dal termine per la presentazione delle domande.