Comunità energetica al via. E sì al parco fotovoltaico

Il Comune di Capannoli pronto alla svolta green dando vita a due azioni. La sindaca Cecchini: "Forme di solidarietà elettrica e abbattimento dei costi".

Comunità energetica al via. E sì al parco fotovoltaico

Comunità energetica al via. E sì al parco fotovoltaico

A Capannoli verso la nascita di una comunità energetica. È stato approvato nell’ultimo consiglio comunale un percorso per la riduzione delle emissioni climalteranti, con l’avvio di due azioni strettamente interconnesse fra loro: la realizzazione di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica e la costituzione di una comunità energetica rinnovabile aperta a tutti i soggetti aventi titolo presenti nel territorio. "Un’iniziativa molto importante – commenta la sindaca Arianna Cecchini – un’idea scaturita a seguito dell’approvazione del PAESC e di un contributo europeo intercettato per lo sviluppo di un progetto su questa tematica. Obiettivo principale della comunità è quello di fornire benefici ambientali, economici o sociali ai suoi soci o membri o alle aree locali in cui opera la comunità e non quello di realizzare profitti finanziari. La comunità energetica potrà costituire lo strumento per garantire un adeguato sostegno all’associazionismo locale e al terzo settore, generando risparmi per l’ente e benefici per le associazioni, nonché promuovere e sostenere il tessuto economico e produttivo".

Inoltre con la nascita della comunità energetica potranno sorgere anche forme di solidarietà elettrica e abbattere il costo dell’energia per i cittadini in difficoltà. Dove sarà installato l’impianto? Il Comune ha già individuato un’area di sua proprietà idonea per la produzione di energia rinnovabile a servizio della futura Comunità Energetica che intende mettere a disposizione del soggetto realizzatore prima e della Comunità energetica poi. Il percorso prevede l’avvio di due distinti avvisi pubblici: il primo diretto alla ricerca, sul territorio, di soggetti interessati alla costituzione della Comunità Energetica, il secondo diretto alla ricerca, sul mercato, di soggetti interessati alla realizzazione dell’impianto fotovoltaico sul terreno comunale. "Un grande traguardo – commenta l’assessore Federico Mangini – con questo strumento potremo sostenere economicamente imprese e famiglie e consentire loro di guardare con occhio più sensibile ai temi ambientali". L’approvazione è arrivata con i voti favorevoli del gruppo di maggioranza e del capogruppo di minoranza Barbara Giuntini e l’astensione dei consiglieri Cei e Nanna.