Sala di attesa in ricordo di. Francesco Ticci

L'associazione "Francesco Ticci" sostiene chi affronta disturbi di apprendimento e promuove attività di interesse generale. Inaugurata una nuova sala d'attesa dedicata a Francesco presso la Casa della Salute "Tabarracci" a Viareggio, per rendere l'attesa dei giovani pazienti più accogliente.

VIAREGGIO

È nata nel 2010 in ricordo di Francesco Ticci, bambino dislessico portato via prima del tempo da un incidente stradale, l’associazione che prende il suo nome. Un’organizzazione che da quel momento non ha mai smesso di impegnarsi per sostenere e aiutare chi affronta le difficoltà legate ai disturbi specifici di apprendimento, e a promuovere attività di interesse generale, da prestazioni socio sanitarie, a quelle di educazione, istruzione e formazione. Ed è un’altra importante iniziativa, quella che si inaugura domani, alla Casa della Salute “Tabarracci“, con la nuova sala d’attesa del servizio di riabilitazione della Ufsmia Versilia, dedicata proprio a Francesco con l’apposizione di una targa. Il nuovo restyling, finanziato dall’organizzazione e progettato gratuitamente dall’architetto Michelangelo Chiti, con arredamento a misura di bambino, colorata e dotata di libri, a cui hanno contribuito la libreria Giunti di Forte dei Marmi e Stefano Corti della Deutsche Bank con un ulteriore donazione, e giochi per i più piccoli, ha l’obiettivo di rendere più confortevole, accogliente e spensierata l’attesa dei giovani pazienti e delle loro famiglie. All’inaugurazione di domani, che si terrà alle 12.30, interverranno il dottor Alessandro Campani, il presidente della Conferenza dei Sindaci Giorgio Del Ghingaro, la Dott.ssa Milena Gemignani, direttore della riabilitazione, gli operatori sanitari dell’Unità funzionale salute mentale infanzia e adolescenza, e il direttivo dell’associazione “Francesco Ticci“.