Il sociale al femminile: "Nel 90% siamo donne". Coop "La Gardenia" premiata da Banca Intesa

La presidente Ridolfi ha ritirato il riconoscimento Women Value Company "Operiamo sul fronte dei servizi educativi, disabilità e assistenza domiciliare".

Il sociale al femminile: "Nel 90% siamo donne". Coop "La Gardenia" premiata da Banca Intesa

Il sociale al femminile: "Nel 90% siamo donne". Coop "La Gardenia" premiata da Banca Intesa

VIAREGGIO

Una dimensione tutta ’rosa’ a gestire le delicate problematiche del sociale. È quella della cooperativa Gardenia che è stata recentemente insignita a Palazzo Incontri a Firenze del premio Women Value Company Intesa Sanpaolo per la valorizzazione dell’imprenditoria al femminile e delle aziende che investono sull’uguaglianza di genere e sul welfare aziendale, organizzato dal Gruppo bancario in collaborazione con Fondazione Marisa Bellisario. La coop viareggina, con sede sulla via Aurelia sud, è stata quindi inserita tra le 35 le imprese vincitrici del centro Italia, di cui 5 toscane. Il record tutto al femminile, del resto è eclatante: tra i 350 soci e lavoratori, più del 90% è rappresentato da donne, così come cda e organi direzionali sono interamente affidati a donne. Alla guida di questa realtà che dal 2001 si impegna sul fronte di servizi educativi, disabilità (con particolare attenzione all’autismo), assistenza domiciliare e anziani c’è Sonia Ridolfi, affiancata dalla vice Chiara Bedini.

"La Gardenia è un’esperienza avviata alcuni anni fa – racconta la presidente Ridolfi – come emanazione dell’Associazione Ce.I.S. Gruppo “Giovani e Comunità” di Lucca. Poi è cresciuta diventando una realtà sempre più strutturata e numerosa. Sviluppa la mutualità tipica delle cooperative con una presenza femminile importante sia nella compagine sociale che nei ruoli apicali e cerca di facilitare il lavoro e la conciliazione dei tempi vita lavoro andando incontro alle esigenze delle socie e lavoratrici pur mantenendo alta la qualità dei servizi erogati". Ad oggi sono circa mille le persone seguite (nel 60% dei casi si tratta di minori) grazie alla collaborazione con il servizio sanitario ed il Comune: educatrici, oss, infermiere, psicologhe, animatrici e logopediste a disposizione per un’assistenza a tutto tondo che spazia dalla progettazione e gestione dei nidi di infanzia fino all’organizzazione del servizio nelle rsa.

"Tutti gli operatori della Gardenia Cooperativa Sociale Onlus – aggiunge la presidente – condividono un alto profilo professionale, ognuno nel proprio ambito di intervento, e una motivazione profonda al lavoro sociale. A ognuno chiediamo rispetto per gli utenti, attenzione al lavoro di rete e grandi capacità di rapporto sia con i cittadini che con le istituzioni. Queste sono per noi qualità essenziali per operare con successo, fornendo risposte concrete e ottimizzando le risorse esistenti. Il premio Women Value Company è stato per noi una grande sorpresa – prosegue Sonia Ridolfi – perchè da tempo abbiamo una forte collaborazione con Banca Intesa che ci ha fatto conoscere il bando al quale abbiamo partecipato senza grosse aspettative. Invece il lavoro messo in campo da una rete per il 90% di professioniste donne ha trovato il giusto riconoscimento".

L’esperienza più bella? "Siamo socie anche di un’altra cooperativa che fa nautica sociale – ricorda senza esitazioni la presidente della Gardenia – e l’estate scorsa abbiamo accompagnato un gruppo di ragazzi autistici per un’esperienza in barca a vela. Ricordo ancora le parole di una giovane, di ritorno da quel tour in mare. Andò incontro alla mamma dicendole: ’dopo questa giornata la mia vita non può che essere in discesa’. Un’esternazione che porto nel cuore e che, ancora oggi, è una delle spinte a portare avanti con convinzione la nostra missione nel sociale"

Francesca Navari