Arresti e sequestri di droga. Il prefetto Giusi Scaduto: "Sicurezza sotto controllo"

I risultati delle attività disposte dal Comitato provinciale per l’ordine pubblico "Non si può prescindere dalla leale collaborazione tra Istituzioni e cittadini".

Arresti e sequestri di droga. Il prefetto Giusi Scaduto: "Sicurezza sotto controllo"

Arresti e sequestri di droga. Il prefetto Giusi Scaduto: "Sicurezza sotto controllo"

VIAREGGIO

Oltre sedicimila persone controllate negli ultimi cinque mesi dagli agenti della Polizia di Stato che hanno anche fermato, lungo le arterie stradali di Viareggio e della Versilia, poco meno di duemila veicoli (per la precisione 1.831) per sottoporli a controlli specifici. Mentre nelle stesso periodo, ovvero dal primo di gennaio allo scorso 31 maggio sono diverse decine le persone da parte dei militari dell’Arma dei Carabinieri ritenuti responsabili di reati predatori, quali furti in esercizi commerciali e di veicoli. Mentre la Guardia di Finanza ha proseguito la sua azione di contrasto alla contraffazione, sequestrando prodotti non sicuri per complessivi 400.00 pezzi, nonché somme di denaro e gioielli nell’ambito di un’attività abusiva di compro-oro. Così, come numerosi, sono stati i sequestri di sostanze stupefacenti effettuate da tutte le Forze dell’ordine, tra cui 3, 3 chilogrammi di hashish divisi in ovuli rinvenuti nel quartiere Varignano durante un’operazione di polizia economico-finanziaria.

Il prefetto Giusi Scaduto (foto) risponde con i numeri, "di un’azione continua e costante", ai tanti allarmismi lanciati nelle ultime settimane da alcune forze politiche e gruppi di associazioni. E rivendica come il controllo del territorio non sia mai stato messo in secondo piano. Anzi. "Nel corso degli ultimi mesi – fa sapere attraverso un comunicato diffuso dal capo di gabinetto, la dottoressa Stefania Trimarchi –, sono state diverse le riunioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica volte a definire le linee di azione necessarie ad elevare sempre di più lo standard di sicurezza in provincia, in stretto raccordo con gli Amministratori locali e in aggiunta all’attività istituzionale quotidianamente posta in essere da ciascuna componente". Anche per la città di Viareggio, il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica – presieduto dallo stesso prefetto Scaduto e composto dal sindaco Giorgio del Ghingaro, dal questore Edgardo Giobbi, dal comandante provinciale dei Carabinieri Arturo Sessa e dal comandante provinciale della Guardia di Finanza Marco Querqui – ha effettuato appositi approfondimenti sulle questioni di maggiore rilievo cui sono seguiti i provvedimenti concordati.

In particolare, evidenziano dalla Prefettura, lo scorso mese di aprile, il Comune di Viareggio ha approvato il “Regolamento di polizia e decoro urbano”, indispensabile strumento di tutela della sicurezza urbana. E "sempre il Comune, inoltre, – sottolinea la nota diffusa dalla dottoressa Trimarchi –, ha predisposto progetti di potenziamento del sistema di videosorveglianza, già approvati dal CPOSP e in attesa di finanziamenti regionali, la cui realizzazione sarà importante ausilio nell’individuazione degli autori dei reati. Da ultimo, il sindaco ha anticipato che dal prossimo 1° luglio, la Polizia Municipale garantirà turni sulle 24 ore durante i fine settimana dei mesi estivi, al fine di sgravare le polizie territoriali dal rilievo degli incidenti stradali". Infine, in relazione ai più recenti episodi di rissa e violenza giovanile, nel rispetto della parallela attività giudiziaria, sono stati disposti servizi interforze straordinari di controllo del territorio i cui esiti saranno oggetto di specifici approfondimenti. "Ciò – conclude il prefetto Scaduto – nella comune consapevolezza che la sicurezza urbana non può prescindere sia dalla concreta e leale collaborazione tra le Istituzioni sia dalla attiva e convinta adesione di ogni cittadino alle regole della convivenza civile".

Marco Principini