Torna il ’Renato Fiumicelli’. Per tre giorni a Gubbio le grandi scuole di danza

Ballerine e ballerini da tutta Italia per il concorso giunto alla 41esima edizione. Rassegne e masterclass di livello internazionale. "Promozione della città".

Torna il ’Renato Fiumicelli’. Per tre giorni a Gubbio le grandi scuole di danza

Ballerine e ballerini da tutta Italia per il concorso giunto alla 41esima edizione. Rassegne e masterclass di livello internazionale. "Promozione della città".

Torna nel weekend, dal 5 al 7 aprile, il Festival-Concorso “Renato Fiumicelli”, che vedrà ballerini e ballerine provenienti da tutta Italia pronti a prendersi il palcoscenico del Teatro ’Luca Ronconi’ di Gubbio. Il Festival, nato nel 1982 per volontà del noto ballerino e coreografo a cui è intitolato, giunge alla sua 41^ edizione, portato avanti grazie all’impegno e all’organizzazione dell’associazione Scuola di Danza “Città di Gubbio”, che ieri mattina ha presentato in conferenza stampa la 41ma edizione, con Silvia Menichetti, insegnante e direttrice artistica del Festival Fiumicelli, Anna Rita Fecchi, direttrice organizzativa del Festival, e Carla Menichetti, presidente Scuola di Danza Città di Gubbio.

Venerdì 5 aprile si parte con la rassegna per le scuole di danza e con la presentazione del libro Jia Ruskaja da parte della docente. Flavia Pappacena. Nei giorni a venire, invece, si terrà il concorso, rivolto a danzatori non professionisti, con masterclass tenute dai maestri giurati di altissimo livello nazionale e internazionale come Simone Nolasco, Laura Comi e tanti altri. Oltre alla danza, fulcro della manifestazione, il Festival “Fiumicelli” si rivela importante anche per ampliare l’offerta turistico-culturale della città eugubina e per l’immagine di Gubbio in Italia e nel mondo.

L’assessore allo sport Gabriele Damiani ha infatti parlato di "un evento culturale che ha attraversato oltre 40 anni di storia e di sfide, sempre affrontate e sempre vinte. I valori del Fiumicelli guardano anche alla promozione del turismo e della città, della sua autenticità e dei suoi ritmi: ecco perché siamo ben lieti del supporto dato a questa manifestazione e di quello che continueremo a dare". In chiusura di conferenza stampa anche il sindaco di Gubbio, Filippo Stirati, ha espresso grande soddisfazione e apprezzamento per il Festival: "Il Fiumicelli è uno degli appuntamenti canonici per la città di Gubbio, uno di quelli che ne segnano il calendario artistico e culturale. C’è stata, nel tempo, una progressiva qualificazione della manifestazione, che oggi la rende particolarmente attrattiva nonché foriera di un turismo di qualità, che salutiamo con grande apprezzamento". Un evento destinato dunque a dare un seguito al turismo pasquale che ha dato buoni segnali alla città e alle strutture del comprensorio.