La ’pax’ del Pd perugino. Bistocchi, Chianella, Tosti: triumvirato per le elezioni

Assemblea lampo e unanimità per scegliere il comitato che guiderà il partito. Al vertice il capogruppo comunale, l’ex assessore e un docente universitario.

La ’pax’ del Pd perugino. Bistocchi, Chianella, Tosti: triumvirato per le elezioni
La ’pax’ del Pd perugino. Bistocchi, Chianella, Tosti: triumvirato per le elezioni

Pace fatta nel Partito democratico di Perugia. E di certo nei Dem ormai fa più notizia un accordo all’unanimità che una lite. Dissidi che sono durati una decina di giorni stavolta, per colpa della nomina a commissaria di Sarah Bitocchi, scelta dal segretario regionale Tommaso Bori dopo le dimissioni del coordinatore comunale, Sauro Cristofani. Bistocchi e Bori però hanno capito che portare avanti una campagna elettorale con il partito a pezzi sarebbe sttato oltre che faticoso, anche dannoso. E così visto il consenso che ha riscosso la scelta di candidare Vittoria Ferdinandi, hanno pensato bene di fare un passo indietro e ricompattare il partito. Anche perché i "ribelli" nel frattempo avevano presentato un ricorso alla Commissione di garanzia sualla nomina della commissaria. L’altra sera è andata così in scena la "pax": un’assemblea che si è chiusa – complice Sanremo – in un’ora, senza "morti" né "feriti". E la comunicazione ufficiale del Pd spiega bene tutto: "L’Assemblea comunale ha approvato, per acclamazione, la candidatura a sindaco di Vittoria Ferdinandi e il percorso di coalizione “Un Patto Avanti”. Contestualmente, è stato approvato all’unanimità il dispositivo che sancisce una gestione collegiale del partito, attraverso un cabina di regia condivisa, composta da Sarah Bistocchi, Mario Tosti e Antonello Chianella. Grazie al voto di ieri restano in carica anche le figure di garanzia del partito comunale, ovvero il Presidente dell’Assemblea, Paolo Coletti, e il Tesoriere, Massimiliano Baroni, che affiancheranno il neo costituito gruppo di lavoro". Tosti, professore di Storia moderna all’università di Perugia rappresenta l’ala "centrista" del partito, quella che era vicina all’ormai ex segretario Cristofani. Chianella è stato assessore nella seconda consiliatura di Renato Locchi (2004-2009) ed è uno dei segretari "ribelli" che chiedevano le primarie. Saranno loro tre a occuparsi della campagna elettorale e soprattutto della formazione della lista del partito. Nel frattempo si parla della possibilità che Azione entri nel Patto Avanti: il segretario regionale Giacomo Leonelli avrebbe già incontrato Ferdinandi per un primo scambio di idee. Per ora è un "pour parler" ma alla fine Azione dovrebbe entrare nella squadra capitana dalla 37enne perugina che continua a riscuotere consensi.

Michele Nucci