Eurochocolate: nocciola umbra per la Nutella

Eurochocolate a Perugia conclude la sua edizione con un ricco programma di eventi al sapore di cacao e cioccolato. La collaborazione tra il Consorzio produttori agricoli e Ferrero porterà la nocciola umbra a diventare un ingrediente della Nutella nel 2024.

Eurochocolate: nocciola umbra per la Nutella

Eurochocolate: nocciola umbra per la Nutella

PERUGIA Rush finale per Eurochocolate che da oggi a domenica lancia il dolcissimo week-end conclusivo di questa edizioni con un ricco e goloso cartellone di appuntamenti al sapore di cacao e cioccolato. I tre padiglioni di Umbriafiere sono pronti ad accogliere una nuova ondata di visitatori, nelle tre aree tematiche della Chocolate Experience, del Chocolate Show e del Funny Chocolate, attraverso un itinerario di 14mila metri quadrati tra didattica, intrattenimento, degustazioni guidate, laboratori, animazione e il grande emporio del cioccolato.

E da Eurochocolate arriva la consacrazione della nocciola umbra che dal 2024 potrà diventare un ingrediente della Nutella e di altri prodotti Ferrero. Durante la tavola rotonda “La filiera della nocciola umbra“ che si è tenuta sul palco Cooking show è emerso che la Filiera della nocciola ha fatto breccia in Umbria più che in altre regioni e, considerata la tradizione dolciaria, ha ancora margini di crescita. La collaborazione tra il Consorzio produttori agricoli e Ferrero è nata all’interno del “Progetto nocciola Italia“ che ad oggi interessa circa 3mila ettari, dei quali 600 in Umbria. Per la Ferrero è un modo per promuovere "la creazione di una filiera integrata che coinvolga industria e produttori in un rapporto di lungo periodo all’insegna della sostenibilità e della qualità del prodotto" e Domenico Brugnoni, presidente di ProAgri, ha sottolineato che "in Umbria siamo stati tra i primi a credere nella coltivazione della nocciola. Nel 2018 siamo partiti da zero e ora siamo sopra i 600 ettari, oltre il target prefissato di 500". Le coltivazioni interessano tutta l’Umbria, da Città di Castello a Terni, con le zone più interessate come la valle di Assisi-Foligno-Spoleto. Per il presidente ProAgri "uno step importante sarà nel 2024 quando entreremo nell’elenco fornitori Ferrero e faremo la prima consegna, con l’obiettivo di 20 tonnellate di nocciola"