Degrado vicino alla scuola. Ordinanza del sindaco sulla ’bonifica’ del piazzale

Il Comune impone ai proprietari l’operazione di messa in sicurezza della zona "Erbe infestanti, serpenti e zanzare: numerose segnalazioni dei residenti" .

Degrado vicino alla scuola. Ordinanza del sindaco sulla ’bonifica’ del piazzale

Degrado vicino alla scuola. Ordinanza del sindaco sulla ’bonifica’ del piazzale

Il sindaco firma l’ordinanza per la messa in sicurezza del piazzale che si trova in prossimità della scuola media “Manzoni“, ma i proprietari dei terreni a fronte di un intervento da circa 20mila euro rischiano una multa di appena 500 euro. La situazione di assoluto degrado, ma anche di pericolo per l’igiene e l’incolumità pubblica si protrae ormai da diversi anni; ora i proprietari dei terreni, dal momento della notifica dell’ordinanza, avranno a disposizione appena 15 giorni per avviare gli interventi di messa in sicurezza di quell’area che si trova in prossimità di una scuola. Oltre dieci anni fa furono avviati gli interventi di riconversione della ex caserma dei vigili del fuoco in via Cacciatori delle Alpi, ma a causa di un’indagine della Procura i lavori si sono fermati e non sono mai ripresi. Il cantiere da anni è in totale stato di abbandono ed il Comune, in seguito ad un sopralluogo dei tecnici, tra l’altro, ha rilevato che l’area sulla quale doveva essere realizzato il parcheggio interrato e le opere di urbanizzazione è stata destinata ad area di cantiere e la "situazione di degrado e abbandono costituisce rischio per la incolumità delle persone e per la salute pubblica, come confermato dalle numerose segnalazioni dei cittadini residenti nelle aree limitrofe, in relazione alla proliferazione di erbe infestanti e conseguente annidamento di animali sinantropi (ratti, serpenti, ricci, colombi urbani ecc), oltre a costituire habitat idoneo per la proliferazione della zanzara tigre e della zanzara comune". I proprietari a vario titolo del terreno e dell’immobile quindi dovranno provvedere ad eliminare depressioni e avvallamenti che favoriscono l’accumulo di acque meteoriche e il conseguente proliferare della zanzara, a rimuovere materiali edili accumulati e provvedere al corretto smaltimento e a sfalciare rovi, arbusti ed erbacce presenti nel terreno in questione. Dovrà essere eseguita inoltre la derattizzazione e disinfestazione per zecche, pidocchi e zanzare a mezzo di ditta specializzata. Ora i destinatari dell’ordinanza avranno anche l’obbligo di comunicare al Comune l’avvenuta esecuzione dei lavori. "In caso di inadempienza a quanto prescritto – si legge nell’ordinanza - si procederà alla denuncia all’autorità giudiziaria (per il reato di Inosservanza dei provvedimenti), nonché all’irrogazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro".