Il turismo nell’algoritmo. La tappa senese del BTO esplora i trend digitali

Il presidente Guasconi: "La destinazione Terre di Siena si è riposizionata". Il direttore Tapinassi: "La terza rivoluzione del web aiuta strutture e luoghi". .

Il turismo nell’algoritmo. La tappa senese del BTO esplora i trend digitali

Il turismo nell’algoritmo. La tappa senese del BTO esplora i trend digitali

SIENA

In un mondo sempre più connesso e digitalizzato, il settore del turismo si trova di fronte a una trasformazione senza precedenti. E’ in questo contesto che il Buy Tourism Online (BTO) promosso da Promo Firenze e Camera di Commercio di Arezzo–Siena si conferma come uno degli eventi più importanti per l’industria turistica toscana. La tappa senese 2023 ieri al Santa Maria della Scala e ha avuto al suo centro quattro temi fondamentali: Destination, Digital Strategy, Food&Wine e Hospitality.

"Il nostro è un turismo che negli ultimi mesi si è riposizionato e deve far conto anche di occasioni come questa, in cui si riflette e si presentano nuove dinamiche e nuove attività con cui approcciarsi alla tecnologia – ha detto Massimo Guasconi, Presidente della Camera di commercio Arezzo-Siena -. Attraverso eventi cerchiamo di stare al passo con i tempi e, quando possibile, di anticiparli".

Fra i temi centrali nel dibattito la comprensione di come l’evoluzione delle reti e delle tecnologie ha cambiato il modo in cui le persone si avvicinano al viaggio e come le destinazioni possono sfruttare al meglio le opportunità offerte dall’intelligenza artificiale e le nuove tendenze.

"La transizione digitale, insieme a quella ambientale, rappresentano dei driver per quanto riguarda la competitività delle nostre imprese, fondamentali in questo momento – ha spiegato Marco Randellini, segretario generale della Camera di commercio, fra i relatori -. L’online è un metodo di comunicazione che può aiutare la facilità del rapporto fra il cliente e l’impresa, annullando una distanza che può essere anche di molti chilometri, come pure le barriere linguistiche e testuali".

Il BTO 2023 è stato un momento di riflessione sulle attività da implementare per soddisfare le esigenze di una clientela sempre più orientata al digitale, un’occasione formativa per gli operatori del settore ricettivo, della ristorazione e dei servizi turistici. "Oggi si parla di ‘terza rivoluzione digitale nel mondo del turismo’, ed ha i tempi d’applicazione più rapidi di sempre – ha detto Francesco Tapinassi, direttore scientifico di BTO -. Il digitale consente alle strutture ricettive, ma anche alle destinazioni, di capire un po’ prima quante persone potrebbero arrivare, come organizzarsi, come migliorare le performance delle forniture, dà un grosso aiuto sui previsionali dei prezzi. Sul lato del viaggiatore può dare un sostegno reale ad un’esperienza sempre più smart: evitare code, avere sempre delle risposte".

Eleonora Rosi