"Dodici anni per una casa popolare. Sfratti, è allarme rosso"

A Siena, aumentano i casi di sfratto per morosità incolpevole, con famiglie e anziani soli senza alternative abitative. La mancanza di sostegno governativo e di misure a livello locale aggravano la situazione. È urgente una politica strutturale sulla casa e un dibattito con le istituzioni locali.

"Dodici anni per una casa popolare. Sfratti, è allarme rosso"
"Dodici anni per una casa popolare. Sfratti, è allarme rosso"

"In questi giorni siamo stati presenti al primo accesso dell’ufficiale giudiziario in due appartamenti situati nel Comune di Siena sottoposti a procedure di sfratto per morosità incolpevole, uno abitato da una famiglia monoreddito con minore e l’altro da una persona anziana sola. Sono due dei tanti casi che seguiamo e che abbiamo visto, con preoccupazione, aumentare negli ultimi mesi: persone in difficoltà che non riescono a trovare un appartamento in affitto a costi commisurati ai redditi, mentre l’offerta delle case popolari risulta assolutamente insufficiente a coprire le condizioni di disagio di molte famiglie. In provincia di Siena la media per ottenere un alloggio popolare è di 12 anni e mezzo", denuncia il Sunia di Siena. "Ribadiamo l’urgenza di una strutturale politica sulla casa sia a livello locale che centrale. Il governo non solo ha tagliato qualsiasi forma di sostegno al disagio abitativo ma ha promesso uno stanziamento nazionale di appena 50 milioni per gli anni 2027-28, quando solo la Toscana necessita di un piano di 20 per la manutenzione e il reperimento di nuovi alloggi, mentre si trovano facilmente 24 miliardi per comprare dei carri armati. C’è poi – prosegue il Sunia – un problema operativo su come sono gestiti gli sfratti in provincia di Siena. Nel dicembre 2022 fu sottoscritto un Protocollo d’intesa tra Prefettura, Tribunale, Comune di Siena e le Sds Senese, Alta Val d’Elsa ed Amiata Senese e Val d’Orcia-Valdichiana Senese per percorsi di protezione per i nuclei familiari dove è presente della fragilità e per reperire misure di sostegno alla locazione. Questo Protocollo non è sufficiente; molti territori non hanno alcuna misura di sostegno alla morosità incolpevole e non sono previsti percorsi condivisi di passaggio da casa a casa, con la conseguenza che tante persone in condizione di precarietà e di difficoltà rimangono escluse da qualsiasi supporto per il reperimento di un’abitazione. E’ urgente che questa situazione dovrà essere oggetto di discussione con le Istituzioni locali, a partire dal neo costituito Osservatorio sulla casa del Comune di Siena".