"Ripresa dei campionati? Non ho fatto nessuna previsione. Può essere che si riparta fra due mesi completando solo il girone d’andata. E sarebbe forse la soluzione migliore". E’ il pensiero di Matteo Lombardi, presidente dell’Eureka che non ha nemmeno fatto in tempo a debuttare nella Terza Categoria 202021, visto...

"Ripresa dei campionati? Non ho fatto nessuna previsione. Può essere che si riparta fra due mesi completando solo il girone d’andata. E sarebbe forse la soluzione migliore". E’ il pensiero di Matteo Lombardi, presidente dell’Eureka che non ha nemmeno fatto in tempo a debuttare nella Terza Categoria 202021, visto il rinvio del match della prima giornata contro il Prato Sport a ottobre (ancor prima dello stop che sarebbe scattato di lì a poco). Tutte le compagini pratesi (e non) stanno aspettando che il Comitato sciolga i nodi per pianificare il ritorno alle competizioni (e agli allenamenti, in tanti casi). Una scelta che terrà ovviamente conto della situazione legata ai contagi da coronavirus. Ma che dovrebbe arrivare entro la metà del mese. "Personalmente, credo che la strada migliore sia quella di giocare ripartendo a marzo, in partite di sola andata – ha proseguito Lombardi – un torneo simbolico più che altro, ma che se non altro darebbe anche un segnale sul piano della fiducia. Per poi ricominciare una stagione vera e propria, si spera senza interruzioni, il prossimo settembre. Staremo a vedere, ad ogni modo". Comunque vada quindi, questa sarà un’altra annata anomala. Con tutto ciò che ne consegue per i club dilettantistici, specie sotto il profilo economico.

"Il Comune dovrebbe prorogare automaticamente di almeno un biennio la concessione degli impianti sportivi, in via eccezionale – ha proposto Lombardi – non avrebbe senso continuare con la gestione annuale, in un contesto come quello che stiamo vivendo caratterizzato da stop e rinvii".

Giovanni Fiorentino