LAURA NATOLI
Cronaca

Violenza sessuale su minore, Borchi condannato a sette anni

Finì agli arresti domiciliari nel gennaio del 2017 dopo la denuncia dei genitori della ragazzina

Un'aula di tribunale in una foto di repertorio

Un'aula di tribunale in una foto di repertorio

Prato, 5 luglio 2024 – E' stato condannato a sette anni per violenza sessuale su una ragazzina che all'epoca dei fatti era minorenne. La pesante condanna è stata inflitta dal collegio dei giudici di Prato a Gabriele Borchi, 46 anni, coordinatore provinciale vicario di Forza Italia, che finì agli arresti domiciliari nel gennaio del 2017 dopo la denuncia dei genitori della ragazzina.

Il pm Laura Canovai aveva chiesto una condanna a sei anni e mezzo ma i giudici, oltre ad accogliere l'impianto accusatorio, sono andati oltre quanto chiesto dal pm. L'uomo, difeso dagli avvocati Manuele Ciappi e Silvia Nesti, ha sempre professato la sua innocenza sostenendo di essere vittima di un "complotto" ordito dalla madre della ragazza in seguito a una delusione amorosa.

In realtà le indagini della procura hanno trovato conferme nell'incidente probatorio a cui la ragazzina fu sottoposta (ritenuto puntuale, credibile e senza contraddizioni), in alcune chat intercorse fra Borchi e la vittima e nelle testimonianze degli amici della ragazza e di uno psicologo che la seguiva a quel tempo. La ragazza e la madre si sono costituite parti civili, assistite dagli avvocati Tiziano Veltri e Alex Baldassini.