Prato: acqua, corrente, rifiuti. Il punto della situazione

Le istruzioni di Alia per chi deve liberarsi di mobilio ed elettrodomestici danneggiati

Rifiuti accatastati a Bagnolo (foto Attalmi)
Rifiuti accatastati a Bagnolo (foto Attalmi)

Prato, 3 novembre 2023 – Sono circa settemila le utenze ancora senza luce nei comuni di Prato, Montemurlo e nell’area della Val Bisenzio dopo il violento nubifragio e l’esondazione del Bisenzio che hanno messo in ginocchio il territorio. Nonostante il lungo e incessante lavoro della Protezione civile, la via della normalizzazione è ancora lontana. E-Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete elettrica ha messo in campo le squadre di intervento e sta lavorando man mano che vengono liberate dall’acqua le strade e si rendono le vie di scambio agibili.

Acqua

Problemi seri si stanno verificando anche per la mancanza di acqua potabile nei quartieri e nelle frazioni più colpite. Nella zona ovest e nord ovest del comune di Prato si stanno verificando preoccupanti abbassamenti di pressione. Dopo che i vigili del fuoco e i tecnici di Publiacqua hanno liberato i locali dall’acqua e provveduto all’asciugatura devono essere rimesse in marcia le pompe di spinta. In queste ore , nella zone di Coiano e Santa Lucia un guasto all’impianto della Nosa provoca abbassamenti di pressione e dai rubinetti delle abitazioni esce acqua color ruggine con tutti i problemi igienico-sanitari che ne potrebbero derivare. Anche i problemi di approvvigionamento che si stanno registrando in zona Bagnolo, La Rocca, Cicignano sono la conseguenza di un guasto Enel causato dalle inondazioni.

Rifiuti

Prosegue ininterrottamente dalle prime luci dell’alba l’impegno di Alia Servizi Ambientali nei territori colpiti dall’alluvione che ha flagellato la Toscana. Le situazioni più critiche, monitorate in tempo reale, si registrano nei Comuni di Montemurlo, Carmignano, Prato, Quarrata, Agliana, Montale e Campi Bisenzio. Danni e disagi, anche se più contenuti, a Vaiano, Cantagallo, Vernio, Larciano, Lamporecchio, Cerreto Guidi e Fucecchio. L’impegno prioritario di queste ore e dei prossimi giorni è quello di procedere casa per casa per raccogliere l’enorme quantità di rifiuti ingombranti, ma anche Raee (apparecchiature elettriche ed elettroniche come per esempio televisori, frigoriferi, forni) e altri rifiuti indifferenziati che i cittadini stanno esponendo all’esterno delle proprie abitazioni invase dall’acqua. Per effettuare richieste di rimozione del materiale alluvionato i cittadini possono contattare il call center di Alia, che in via straordinaria rimarrà attivo, solo per i Comuni coinvolti dagli allagamenti, anche nelle giornate di sabato e domenica, ai numeri 800.888333 da rete fissa, 199.105105 da rete mobile e 0571.1969333 da rete fissa e mobile. Richieste di rimozione possono essere avanzate anche accedendo o registrandosi sull’area clienti del sito web di Alia, denominata Aliapp, accessibile dalla home page all’indirizzo www.aliaserviziambientali.it.

Per rispondere all’emergenza, uomini e mezzi hanno già iniziato a portare via i primi materiali dalle zone colpite e il servizio è destinato a essere gradualmente potenziato a mano a mano che i rifiuti saranno accumulati sulle strade e che le amministrazioni comunali indicheranno ad Alia le aree pubbliche di stoccaggio che l’azienda potrà utilizzare come primi punti di accatastamento di quanto rimosso dalle case. La raccomandazione rivolta ai cittadini è di posizionare i rifiuti quanto più possibile vicino alle abitazioni e di non invadere la sede stradale, in modo da non ostacolare la circolazione dei mezzi di soccorso e della Protezione civile. Altra richiesta riguarda una prima separazione dei rifiuti Raee dai rifiuti non Raee, in modo da facilitarne il successivo smaltimento. L’azienda invita tutti i cittadini alla massima collaborazione in questa fase di massimo disagio.

Sabato in via straordinaria gli ecocentri dell’area pratese rimarranno aperti tutto il giorno, mentre domenica sarà prolungato il normale orario di apertura dei Centri di raccolta di Quarrata e Montemurlo anche in orario pomeridiano. Nel dettaglio, ecco giorni e orari degli ecocentri che nel fine settimana subiranno incrementi: Montemurlo sabato e domenica 8-13 e 14-19; Montale sabato 8-13 e 14-19; Quarrata sabato e domenica 8-13 e 14-19; Vaiano sabato 8-13 e 14-19. Gli altri ecocentri apriranno regolarmente, come di consueto.

Considerate le tante strade ancora inagibili, Alia Servizi Ambientali avvisa i cittadini che, pur riuscendo a garantire un presidio continuativo e costante, si potrebbero verificare rallentamenti sia nella raccolta ordinaria che nei servizi di recupero ingombranti prenotati nei giorni scorsi. Inoltre, sono oggi chiusi gli sportelli Alia di Prato, Borgo San Lorenzo, Campi Bisenzio e Montemurlo e i due presidi attivi nel Comune di Vaiano. Regolarmente aperti, invece, gli sportelli di Firenze, Pistoia, Empoli, Calenzano, Castelfiorentino, Monsummano, Figline e Incisa, Scandicci. Per quanto riguarda la giornata di domani, invece, chiusi gli sportelli di Prato (sede di Galcetello), Borgo San Lorenzo e Montemurlo. Aperti quelli di Pistoia, Empoli, Barberino di Mugello, Barberino Tavarnelle, Montecatini Terme, Montespertoli, Pieve a Nievole, Prato (sede di via Paronese), Sesto Fiorentino, Vernio e Vinci.

In conseguenza dell’evento alluvionale alcuni danni hanno coinvolto direttamente anche Alia, in particolare l’area del Polo di Case Passerini, che risulta interessata da diffusi allegamenti che non consentono né l’accesso né l’operatività del sito. Al momento non è pertanto possibile garantire le ordinarie attività di gestione dell’impianto, né quantificare i danni subiti dalle infrastrutture in quanto l’area non risulta raggiungibile.

Un aiuto per la Toscana. Il gruppo Monrif lancia la raccolta fondi per gli alluvionati