Nuovo PrismaLab: "La commissione esclusa dal progetto"

Lafranceschina (Noi Moderati): "Richieste mai ascoltate Solito contenitore senza contenuto, quanta confusione" .

Subito polemiche sul nuovo PrismaLab di via Pistoiese, lo spazio costruito dove c’era l’ex fabbrica Pieri e destinato a start up, coworking e iniziative culturali. Verrà inaugurato lunedì, come annunciato dall’amministrazione, ma Mirko Lafranceschina, capogruppo di Noi Moderati Prato al Centro, attacca: "Come membro della commissione 5 rimango esterrefatto da questo annuncio in pompa magna. Da mesi chiediamo una convocazione della commissione per illustrarci questo progetto ma non abbiamo mai ricevuto l’ok dall’assessorato competente di cui abbiamo la delega in commissione. Inoltre non capisco perché fino a qualche mese fa si parlava di Medialibrary e magicamente adesso diventa Prismalab". Secondo Lafranceschina "come sempre si evidenzia una totale confusione da parte dell’amministrazione, ovvero si fanno progetti, si spendono i soldi e poi non si sa come riempire il “contenitore”". Di più, il consigliere aggiunge: "Questa inaugurazione senza aver preventivamente invitato la commissione competente ad un sopralluogo ha pensare che si voglia nascondere qualcosa...".

Negli spazi recuperati avranno sede le start up AWhy srl, Hegoplan srl, Bes Tecnology, QTI, Pentago, Mea Menu, Rifò, Moebus. Tutte le novità e gli appuntamenti ospitati nel nuovo edificio saranno pubblicati nel sito di Prisma Prato in un’area dedicata.

I giovani, che saranno i principali utenti dei nuovi servizi, saranno i protagonisti dell’apertura di PrismaLab: dalle 10 alle 13 ci sarà infatti la presentazione del Progetto Eye di educazione all’imprenditorialità nelle scuole superiori della città. Alle 16,30 ci sarà l’intervento del sindaco Matteo Biffoni, alle 17 la presentazione delle cinque start up selezionate con StartupItalia nel progetto Prisma, con l’intervento dell’assessora all’innovazione Benedetta Squittieri, mentre alle 18.30 si parlerà di "Il progetto Piu a Prato, rigenerazione urbana e reti sociali al Macrolotto zero", con l’assessore all’urbanistica Valerio Barberis. Alle 19 il taglio del nastro ufficiale da parte del sindaco Biffoni e del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. La festa continuerà poi con il cocktail inaugurale e un appuntamento speciale, organizzato da A-Live: il dj set di Max Casacci, chitarrista, produttore e fondatore dei Subsonica. Ingresso libero.