"In moto per Pietro" Raccolta di fondi per aiutarlo ad avere una nuova carrozzina

Cinquantenne in lotta contro una terribile malattia che riduce le capacità motorie. Ormai è costretto a vivere in casa da anni. Servono 5mila euro per il mezzo: torneo in città e altre iniziative.

"In moto per Pietro"  Raccolta di fondi  per aiutarlo ad avere  una nuova carrozzina
"In moto per Pietro" Raccolta di fondi per aiutarlo ad avere una nuova carrozzina

Tutti in campo per Pietro, così da raccogliere i fondi necessari per acquistare la carrozzina elettrica costruita su misura per lui, che è affetto fin dalla nascita da miosite ossificante. Una malattia degenerativa, che negli ultimi cinque anni ha costretto in casa il 56enne pratese, le cui funzioni motorie sono sempre più ridotte. Basti pensare che fatica a stare in piedi per più di qualche minuto e che non ha modo di variare la sua posizione posturale.

"Si tratta di una condizione estremamente limitante, tanto che per trasportare Pietro da un luogo ad un altro è indispensabile l’utilizzo di un’ambulanza", spiega l’amico Giacomo Francini, che per aiutarlo a ritrovare una maggiore libertà ha deciso di lanciare il progetto "Tutti in moto per Pietro", che consiste in una serie di iniziative volte a raggiungere la cifra necessaria per acquistare la carrozzina realizzata dall’Ortopedia Michelotti.

La spesa complessiva ammonta a 15mila euro e per il momento ne sono stati raccolti circa 10mila grazie al supporto di cittadini e aziende private. Una delle manifestazioni in calendario per centrare l’obiettivo andrà in scena all’impianto Vittorio Rossi di viale Galilei, dove il 20 e 21 maggio si terrà un torneo non competitivo riservato alla categoria dei "Piccoli Amici" (ossia i bambini nati nel 2016 e 2017) a cui parteciperanno 16 società fra le quali l’Empoli e il Prato. Ad organizzare la manifestazione sarà il Csl Prato Social Club, con il patrocinio fra gli altri del Comune.

"Non appena siamo venuti a conoscenza del progetto ideato da Giacomo, abbiamo immediatamente pensato di offrire il nostro contributo – dice Roberto Macrì, presidente della società neopromossa in prima categoria – Questo perché credo che, oltre ai risultati sportivi, la nostra realtà debba preoccuparsi anche delle problematiche sociali e in particolar modo di quelle che i soggetti più bisognosi come Pietro si trovano ad affrontare".

Il costo del biglietto per assistere alle gare giovanili è di 5 euro, mentre con 10 non solo si entrerà all’impianto, ma si potrà prendere parte alla lotteria che mette in palio premi importanti, come ad esempio la maglia autografata di Cristiano Ronaldo o un giro in mongolfiera. Il ricavato sarà completamente devoluto a "Tutti in moto per Pietro". E lo stesso accadrà per il ricavato di altri due appuntamenti come il ritrovo di moto a due tempi all’autodromo del Mugello e la cena al ristorante Terrazza 22 a Scarperia, entrambi in programma il 28 maggio, ossia la data in cui a Pietro verrà consegnata la carrozzina ormai pronta da utilizzare, dopo le prime prove effettuate questo giovedì.

Si può contribuire al progetto di sostegno per il cinquantenne pratese anche versando una somma libera al seguente Iban: IT16H0306909606100000194169.

Francesco Bocchini