Discarica davanti scuola. Rifiuti in strada: ora basta

A San Paolo dal 3 novembre sono stati abbandonati ingombranti e altra spazzatura, ma l’alluvione non c’entra niente. "Servono maggiori controlli".

Discarica davanti scuola. Rifiuti in strada: ora basta
Discarica davanti scuola. Rifiuti in strada: ora basta

Approfittarsi delle situazioni di emergenza. Succede davanti al polo scolastico di San Paolo utilizzato come discarica a seguito dell’alluvione. Un comportamento scorretto che è stato condannato anche dal prefetto Adriana Cogode: durante l’ultimo riunione del tavolo per l’ordine e la sicurezza è stato affrontato il tema delle discariche abusive di rifiuti non alluvionati. Esattamente quanto denunciato al numero Whatsapp del cittadino cronista 337.1063052 da una lettrice. La Prefettura, nei giorni scorsi, ha annunciato una stretta con controlli mirati per stroncare questo odioso fenomeno. "Una discarica di rifiuti a cielo aperto nel piccolo parcheggio davanti al Polo scolastico di San Paolo. È dal 3 di novembre che i rifiuti sono stati abbandonati e non certo a causa dell’ alluvione del 2 di novembre. E’ una indecenza, i rifiuti stanno aumentando di giorno in giorno. Essendo una zona già critica, bisognerebbe mettere in atto controlli a tappeto e soprattutto delle telecamere perché non è la prima volta che succede tutto questo", scrive Chiara. D’ora in poi vita più difficile per chi abbandonerà rifiuti urbani e industriali che

non possono essere collegati ai

danni dell’alluvione. Nei prossimi giorni, in prefettura a Prato, si terrà una ulteriore riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica sul tema. A quasi un mese dall’alluvione la situazione nelle strade sta tornando alla normalità.