Prato si avvicina ai 200mila abitanti. Continua il boom di stranieri

I dati ufficiali del Comune fotografano una città che continua a cambiare volto a ritmi vertiginosi

Piazza del Comune
Piazza del Comune

Prato, 31 gennaio 2020 - Quella che sta vivendo Prato è un'ondata migratoria non inferiore a quelle storiche degli anni Cinquanta e Novanta, quando la città fece un grande balzo in avanti nel numero di residenti tra flussi interni prima e stranieri dopo. Al 31 dicembre 2019 Prato contava 195.089 abitanti: ormai quota 200mila è vicina e Prato è nella top 20 delle cittù con più abitanti d'Italia. Attualmente è al 19° posto, ma Taranto e Parma sono molto vicine. 

Certo, la grandezza demografica non è di per sé un dato né positivo né negativo. Le valutazioni di merito si fanno sulla gestione dei numeri mentre questi sono solo, per l'appunto, numeri statistici.

Rispetto all'anno precedente la città è cresciuta di 500 unità. Ma sono altri i dati che colpiscono: quelli sulla popolazione straniera residente. Al netto dei clandestini, gli stranieri ufficiali sono saliti al 21,7% del totale, il che fa di Prato la città con la maggior presenza straniera in percentuale sulla popolazione tra i comuni capoluogo.

Nel dettaglio si tratta di 42.371 stranieri residenti contro i 40.536 dell'anno precedente, una crescita che dal 2016 ad oggi viaggia fra il 4,5% e il 6% l'anno. La stragrande maggioranza viene dall'Asia, segnatamente dalla Cina, con 28.800 presenze, poi l'europa con 9.100 (meno della metà da paesi dell'area Ue), circa 3.500 dall'Africa e poco meno di mille dalle Americhe.