Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
8 dic 2021

C’è Orgoglio e pregiudizio Il grande classico in scena

Al Politeama la prima versione teatrale italiana del capolavoro di Jane Austen. Uno spettacolo firmato da Cirillo e Piccolo, con un cast di ottimi attori

8 dic 2021
Foto di scena dello spettacolo Orgoglio e pregiudizio Di. Giulia Di Vitantonio
Foto di scena dello spettacolo Orgoglio e pregiudizio Di. Giulia Di Vitantonio
Foto di scena dello spettacolo Orgoglio e pregiudizio Di. Giulia Di Vitantonio
Foto di scena dello spettacolo Orgoglio e pregiudizio Di. Giulia Di Vitantonio
Foto di scena dello spettacolo Orgoglio e pregiudizio Di. Giulia Di Vitantonio
Foto di scena dello spettacolo Orgoglio e pregiudizio Di. Giulia Di Vitantonio

È uno di quei classici di cui si contano molteplici adattamenti per il grande e piccolo schermo, compresa una pellicola di successo con l’attrice Keira Knightley. Quella che approderà sul palco del Politeama sarà la prima versione teatrale italiana di Orgoglio e pregiudizio, grazie all’adattamento di Antonio Piccolo e alla regia di Arturo Cirillo, sabato 11 dicembre (alle 21) con replica domenica 12 (alle 16). Ha oltre due secoli alle spalle l’indimenticabile romanzo di Jane Austen che in Italia ha trovato la via del palcoscenico grazie all’impresa di Antonio Piccolo che è riuscito a sintetizzare in un’ora e 45 minuti le oltre 400 pagine del fortunato romanzo: nello spettacolo saranno riprodotte le atmosfere della società britannica d’età vittoriana, tra costumi d’epoca e scenografie fatte di specchi ruotanti nello spazio scenico. E a proposito di costumi, lo spettacolo ha ricevuto il premio Ubu nel 2019 per le creazioni firmate dal costumista Gianluca Falaschi. In scena lo stesso Cirillo nei panni del signor Bennet con una compagnia di bravi attori e brave attrici come Valentina Picello, Riccardo Buffonini, Alessandra De Santis, Rosario Giglio, Sara Putignano, Giacomo Vigentini e Giulia Trippetta. Attore e regista napoletano, Cirillo si muove tra i classici del teatro da una parte (Scarpetta, Molière, Shakespeare, Pirandello, Feydau) e la Napoli di Annibale Ruccello dall’altra. Nella messa in scena di Orgoglio e pregiudizio, una produzione Marche Teatro e Teatro di Napoli - Teatro Nazionale, quattro grandi pareti a specchio creano sulla scena un gioco di coppie e di riflessi, mentre le sorelle Bennet diventano due così da alleggerire l’intreccio narrativo. I temi sono quelli affrontati nel romanzo, conditi con l’ingrediente dell’ironia connaturato ai dialoghi di Jane Austen: le ragazze della buona società da sistemare, una ricchezza da mantenere, matrimoni da organizzare. Un impietoso ritratto di famiglia che diventa anche un racconto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?