Toti-Grossi, scelta Dem

In settimana la decisione sul candidato di centrosinistra. Mini per il centrodestra. Dieci giorni per l’ufficialità.

Toti-Grossi, scelta Dem

Toti-Grossi, scelta Dem

CASTELFRANCO

La settimana della scelta. La settimana dello scioglimento dei nodi. Il Partito Democratico di Castelfranco deciderà nei prossimi giorni chi sarà il candidato sindaco della coalizione di centrosinistra con Partito Socialista e le forze di sinistra. La scelta, ormai è chiaro, è tra l’attuale sindaco Gabriele Toti e l’attuale vicesindaco Federico Grossi. Chi ha più probabilità tra i due? L’impressione è che ancora si sia sul cinquanta e cinquanta. Grossi ha da tempo dato la sua disponibilità. Toti è rientrato in gioco dopo il via libera al terzo mandato del governo per i sindaci dei Comuni tra 5mila e 15mila abitanti. In un primo momento il sindaco uscente aveva manifestato qualche dubbio sulla ricandidatura. Poi ha deciso di mettersi a disposizione.

In casa Pd e centrosinistra le valutazioni riguardano soprattutto il flusso di voti che i due candidati sono capaci di smuovere. Toti nel 2019 ha ribaltato l’andamento delle Europee con i consensi ottenuti a Orentano, Villa Campanile e Galleno. Anche alle Comunali, pur avendo vinto, infatti, il centrosinistra e l’attuale sindaco erano stati sconfitti in tutte le sezioni di Castelfranco. Grossi nel 2019 venne eletto in consiglio comunale con 309 voti. Cinque anni fa la differenza tra centrosinistra e centrodestra era stata di appena 180 voti. Anche nel centrodestra il confronto è ancora aperto e la decisione dovrebbe essere presa entro una decina di giorni. Fabio Mini (FdI) resta il più accreditato per la candidatura a sindaco.

g.n.