Il “primo“ bimbo del paese. Consegnato il bonus bebè: "Una grande emozione"

A Montecatini Valdicecina è stato un giorno speciale con l’incontro della famiglia. Dal 1981 non si registravano nascite sul territorio. La madre infatti ha partorito in ambulanza.

Il “primo“ bimbo del paese. Consegnato il bonus bebè: "Una grande emozione"
Il “primo“ bimbo del paese. Consegnato il bonus bebè: "Una grande emozione"

MONTECATINI VAL DI CECINA

Nato a Montecatini Val di Cecina, come non succedeva dal 1981. "Oggi grande emozione a Pomarance – racconta Francesco Auriemma sindaco di Montecatini Val di Cecina – insieme alla sindaca di Pomarance Ilaria Bacci e all’assessora al sociale Alessandra Siotto ho consegnato, a nome del Comune di Montecatini Val di Cecina, il bonus bebè al bambino nato proprio nel comune di Montecatini". La mamma, una donna nigeriana, ospite del centro accoglienza di Pomarance, il 25 luglio scorso mentre veniva trasportata in ambulanza all’ospedale di Cecina, iniziò ad avere contrazioni sempre più ravvicinate e dolorose. Non c’era tempo per arrivare all’ospedale più vicino, che era quello di Cecina, cosi grazie alla squadra del 118 della Misericordia di Castelnuovo il bimbo nacque in ambulanza, a Ponteginori.

"Un augurio particolare al piccolo – conclude il sindaco – che porterà sempre scritto sul suo documento "nato a Montecatini val di Cecina"". Un regalo annunciato all’indomani della notizia e che si concretizza oggi. Una storia accaduta nell’estate del 2023 quando un’ambulanza, con medico a bordo e una squadra di volontari si è catapulta a Pomarance dove una donna nigeriana, classe 1996, ospite in un centro di accoglienza del Comune geotermico, stava accusando le prime doglie. Da lì la corsa verso l’ospedale di Cecina, dato che all’ospedale di Volterra da anni non esiste più un punto nascita. I minuti passano velocemente, le contrazioni aumentano e il miracolo della vita è accaduto a Ponteginori, frazione di Montecatini Valdicecina, praticamente quasi a metà strada tra Pomarance e l’ospedale della costa. Sono attimi concitati. Le contrazioni diventano sempre più ravvicinate e dolorose. Non c’è tempo per arrivare all’ospedale più vicino, quello di Cecina. Grazie alla squadra del 118 della Misericordia di Castelnuovo la mattina dello scorso 25 luglio, ecco arrivare il primo vagito: il bimbo viene alla luce in ambulanza, a Ponteginori, fra la gioia dei soccorritori. Una storia a lieto fine che ha regalato la particolarità a un bambino di nascere in un luogo inconsueto perché non è sede di ospedali o punti nascita.