Capannoli verso il voto. Tre donne per una poltrona

Una campagna elettorale tormentata con colpi di scena e sorprese. Ecco il confronto tra le candidate con le domande de La Nazione.

Le elezioni di Capannoli sono da mesi un acceso confronto politico. Tre le donne candidate sindaco: la prima cittadina uscente Arianna Cecchini che ha dichiarato l’intenzione di voler proseguire con il terzo mandato consecutivo in disaccordo con il suo partito di provenienza il Pd creando la lista Capannoli e Santo Pietro Belvedere con Arianna Cecchini, Barbara Cionini appoggiata da Pd, Sinistra Italiana e Partito socialista uniti nella lista Noi per Capannoli e Santo Pietro, la civica Silvia Rocchi, ex presidente del Ccn di Capannoli e Santo Pietro Belvedere, sostenuta da Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega e Italia Viva. A loro abbiamo rivolto quattro domande per riassumere in poche parole le intenzioni e i programmi. Eccole:

1 ) Come vede Capannoli tra dieci anni?

2 ) Quali le sue priorità per Capannoli?

3 ) Qual è il ruolo di Capannoli nel contesto della Valdera e della provincia di Pisa?

4 ) Una campagna elettorale condotta senza esclusioni di colpi, tornasse indietro cambierebbe qualcosa?