Uomo scomparso nel bosco, ore di paura per un 89enne. Ricerche senza sosta

In campo anche i cani molecolari. Dell’anziano non si hanno notizie dall’8 dicembre

Pistoia, 10 dicembre 2023 - Proseguono ininterrottamente le ricerche da parte dei vigili del fuoco del comando di Pistoia, dell'uomo di 89 anni disperso nei boschi intorno alla sua abitazione a San Marcello Piteglio. 

Dell’anziano non si hanno notizie da venerdì sera. Le operazioni sono portate avanti congiuntamente tra i vigili del Fuoco, il soccorso Alpino Sast, soccorso alpino e speleologico toscano, e il soccorso alpino della Guardia di Finanza.

Soltanto nella tarda serata di ieri, nei boschi vicini all’abitazione dell’uomo, una squadra del Soccorso Alpino ha trovato un oggetto personale dell’anziano. Nonostante un enorme spiegamento di forze, con droni, unità cinofile e l’intervento di un elicottero, dell’anziano, che abita nella zona del Villaggio Bellavista, a un paio di chilometri dal borgo capoluogo, non si hanno notizie.

Era uscito di casa venerdì 8 dicembre per fare una passeggiata. I familiari, quando non lo hanno visto rientrare hanno chiamato il 118 e alle 18.10 sono state attivate le ricerche. La zona da dove si diramano le ricerche parte dalla sua abitazione, sulla strada che collega l’abitato di Gavinana con il paese capoluogo, per estendersi sia a nord, in direzione dell’osservatorio astronomico di Pian dei Termini fino al Rifugio di Pratorsi e poi inoltrarsi nella Foresta del Teso, come a sud, sia verso il passo dell’Oppio dopo aver risalito la valle di Limestre, sia fino al fiume che scorre sul fondovalle.

Nessuna alternativa è stata sottovalutata e tutte le strade possibili sono state percorse dal folto gruppo di soccorritori. 

Strategica l'idea di utilizzare una sola unità di comando locale per ottimizzare le operazioni di ricerca e soccorso, e operare congiuntamente anche ricorrendo se necessario a squadre cosiddette miste.

Nella giornata odierna continueranno le ricerche grazie ai nuclei cinofili dei vari enti intervenuti, nuclei che si avvalgono di cani molecolari. Continua la partecipazione di molti volontari sia privati che di associazioni riconosciute che si rendono disponibili presso l'Ucl, unità di comando locale, dei Vigili del fuoco.