Pistoia agli americani. Le firme sono imminenti

Via libera del Consorzio al passaggio di quote, Rowan è atteso in città

Pistoia agli americani. Le firme sono imminenti

Il presidente Massimo Capecchi

La volata è lanciata, la tavola è apparecchiata per il gran finale. Tutto lascia pensare che il closing della trattativa per l’ingresso degli investitori americani all’interno del Pistoia Basket 2000 si finalizzerà nel corso della prossima settimana, quando in Italia è atteso proprio lui, Ron Rowan, volto e capofila del sodalizio proveniente da Oltreoceano, che nel frattempo in Italia sta dando vita alla società denominata ’East Coast Sport Group S.r.l.’, tramite la quale poter portare a termine l’accordo con la proprietà biancorossa per l’acquisizione delle quote. Prima dell’incontro per le firme, che dovrebbe andare in scena in un ufficio notarile fuori città, nella serata di martedì c’è stato un altro momento importante: durante l’assemblea del Consorzio Pistoia Basket City (attuale azionista di maggioranza del club di via Fermi ndr), è stato ratificato all’unanimità il via libera per il passaggio delle quote di maggioranza del Pistoia Basket 2000 agli americani. Nella giornata di oggi invece è prevista la riunione del Cda biancorosso, che rappresenterà un ulteriore step in avanti prima della chiusura della settimana che verrà. Intanto, durante l’incontro fra i consorziati, altri dettagli sono emersi. A cominciare dalla volontà dei nuovi soci (che dovrebbero essere cinque, accomunati dagli interessi in ambito immobiliare) di confermare interamente il management societario e sportivo. Il che significa, ad esempio, la permanenza della coppia che in queste stagioni ha fatto grande Pistoia, ossia quella composta da coach Nicola Brienza (legato contrattualmente ai biancorossi fino al giugno 2025) e dal direttore sportivo Marco Sambugaro. A loro verrebbe affidato il compito di costruire una squadra – almeno sulla carta – più competitiva di quella attuale, potendo contare su un budget presumibilmente superiore a quello utilizzato per allestire il roster 2023/24, con l’obiettivo di provare a lottare per la qualificazione ai playoff.

Il progetto a stelle e strisce avrà una durata minima di cinque anni, nei quali anche il lavoro per le strutture andrà di pari passo con quello sportivo. Insomma, la parola chiave sarà ambizione: il gruppo capeggiato da Rowan (con l’ex Olimpia che potrebbe essere in città per assistere alla partita contro Reggio Emilia in programma il 7 aprile al PalaCarrara) punta a far crescere costantemente il Pistoia Basket e a renderlo una certezza della Serie A. Vuoi per gli interessi extra basket, vuoi anche per il grande affetto che lega Rowan alla piazza, dove ha scritto pagine di storia importantissime. Nelle tre stagioni (dal 1989 al 1992) in cui ha vestito la casacca della Kleenex, il nativo di New Brighton ha viaggiato alla media realizzativa di oltre 32 punti a gara, con un massimo di 47. Il suo apporto fu decisivo per consentire alla compagine allenata da Cesare Pancotto di conquistare la promozione nel massimo torneo. E dopo averle regalato quell’enorme gioia, il ’Marine’ sarebbe pronto a guidare Pistoia verso un orizzonte luminoso.

Alessandro Benigni

Francesco Bocchini