Quotidiano Nazionale logo
16 gen 2022

Olivi gratis per difendere clima e agricoltura sostenibile, il progetto arriva a Pisa

Cittadini e imprese di potranno ottenere gratuitamente piante di olivo da piantumare nei propri terreni


L'assessore al verde pubblico Raffaele Latrofa
L'assessore al verde pubblico Raffaele Latrofa

Pisa, 16 gennaio 2022. Arriva anche a Pisa il progetto “Scapigliato Alberi” che consentirà a cittadini ed imprese del territorio comunale di ricevere gratuitamente da un minimo di 50 fino ad un massimo di 5.000 piante di olivo. Olivi gratis per difendere il clima e alimentare un'agricoltura sostenibile. 

IL BANDO - I soggetti interessati possono scaricare il bando e la domanda di partecipazione dal sito web di Scapigliato www.scapigliato.it, alle sezione Iniziative per il territorio - Scapigliato Alberi, e seguire le indicazioni per partecipare. I bandi hanno lo scopo di individuare le aziende agricole, le cooperative agricole, le reti di imprese agricole, i proprietari e conduttori di fondi agricoli che potranno ottenere le piante di olivo: l’assegnazione gratuita riguarderà cultivar autoctone e certificate (Frantoio, Leccio del Corno, Leccino, Maurino, Moraiolo e Pendolino).

IL PROGETTO - Scapigliato fornirà al territorio e ai suoi cittadini, oltre 250mila alberi e circa 60mila arbusti: un investimento stimato in 3 milioni di euro per compensare tutte le emissioni di gas serra – ovvero 1.195.000 ton. di CO2eq – generate dal Polo impiantistico sin dalla sua nascita nel 1982. Il progetto “Scapigliato Alberi”: da vincolo a opportunità di sviluppo sostenibile È stata proprio la Regione a rilasciare una prescrizione che prevede la realizzazione di rimboschimenti e/o rinverdimenti quale opera di compensazione per le emissioni di gas serra rilasciate negli anni di esercizio del Polo impiantistico di Scapigliato, ma la Società ha deciso di trasformare questo vincolo in un’opportunità di sviluppo sostenibile, tramite la produzione locale di olio extra-vergine di oliva. Puntare su altri alberi come il cerro (che crescendo assorbe 436 Kg/anno di CO2) o il pioppo bianco (219 Kg/anno), avrebbe reso più facile e meno oneroso per Scapigliato il soddisfacimento della prescrizione regionale, ma – nella logica di restituire alla collettività i benefici che l’economia circolare è in grado di portare – la scelta è ricaduta sull’olivo (76 Kg/anno), per valorizzare al massimo un territorio a forte vocazione agricola, offrendo occasioni di lavoro e reddito.

LATROFA - «Siamo soddisfatti – dichiara l’assessore al verde pubblico Raffaele Latrofa - di poter permettere ai nostri cittadini di usufruire questa bella opportunità che va nella direzione della transizione ecologica, una direzione che come amministrazione abbiamo intrapreso da tempo mettendo in campo molti progetti sul verde e realizzando nuovi parchi sul territorio cittadino. In questo caso il progetto si rivolge a soggetti privati che potranno ricevere gratuitamente da un minimo di 50 fino a un massimo di 5000 piante di olivo che, se piantate in maniera diffusa, potranno contribuire ad una svolta ambientale ed ecologica della nostra città».

PIANTUMAZIONE - Il progetto “Scapigliato Alberi” prevede di piantumare sul territorio regionale oltre 250mila alberi, in prevalenza olivi, per compensare le emissioni di gas serra provenienti dal Polo impiantistico di Scapigliato, che gestisce l'omonima discarica nel Comune di Rosignano Marittimo, e che sta realizzando la cosiddetta “Fabbrica del futuro”, un polo industriale che si propone di recuperare materia ed energia dai rifiuti, rendendo gradualmente sempre più marginale lo smaltimento finale in discarica. Il progetto, che vedeva inizialmente coinvolti 13 comuni toscani, si è allargato ampliandosi a tutti i 56 Comuni delle province di Pisa e Livorno la possibilità di partecipare, richiedendo gratuitamente in consegna gli olivi. Per ulteriori informazioni su Scapigliato Alberi e, in particolare, sul bando per la fornitura degli olivi, è possibile scrivere all’indirizzo e-mail alberi@scapigliato.it o chiamare lo 0586744153.

M.B.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?