Tutto pronto anche a Pisa per la primavera del Teatro Delivery: un mezzo per rimettere in moto l’arte e sottolinearne l’importanza per la collettività, in un momento nel quale l’emergenza ha portato alla totale chiusura dei luoghi culturali. L’idea è nata a dicembre grazie all’attore Ippolito Chiarello fondatore della rete internazionale delle Usca (Unità speciali di continuità artistica) che ha iniziato a portare il Teatro a domicilio in tutto lo stivale. Anche il Teatro Delivery Pisa di Massimo Risi e Tommaso Ricci ha aderito alla rete e ora...

Tutto pronto anche a Pisa per la primavera del Teatro Delivery: un mezzo per rimettere in moto l’arte e sottolinearne l’importanza per la collettività, in un momento nel quale l’emergenza ha portato alla totale chiusura dei luoghi culturali. L’idea è nata a dicembre grazie all’attore Ippolito Chiarello fondatore della rete internazionale delle Usca (Unità speciali di continuità artistica) che ha iniziato a portare il Teatro a domicilio in tutto lo stivale. Anche il Teatro Delivery Pisa di Massimo Risi e Tommaso Ricci ha aderito alla rete e ora propone, nella settimana che va dal 21 marzo (primo giorno di primavera) al 27 (giornata internazionale dedicata al teatro e data fissata per una evidentemente impossibile "riapertura dei teatri"), un simbolico festival: "Uscire a primavera". "Un grande invito al pubblico a tornare a teatro quando sarà possibile farlo – dicono gli organizzatori – e un richiamo alle istituzioni a sostenere in modo strutturale una futura difficile ’riapertura’. Un atto di presenza forte. Un atto per ribadire anche che questa azione di prossimità, per molti già nel Dna del proprio percorso artistico, continuerà anche dopo l’attuale situazione difficile, come azione di accompagnamento e diffusione della cultura teatrale. Tutta l’attività di questi mesi si è svolta nel rispetto delle norme anti-covid e senza creare assembramenti e diffondendo il concetto della cultura quale bene di prima necessità: il teatro, come il cibo, viene consegnato a domicilio e con l’impegno, appena possibile, di ritornare a frequentare i teatri ancora più numerosi. Ha costituito sicuramente, accanto agli assolutamente necessari bonus, un’integrazione al sostentamento di molti artisti, costretti da mesi a casa senza lavoro".

Per chi volesse prenotare uno spettacolo in questa settimana, dal 21 marzo al 27 marzo, e sostenere così il lavoro della rete, può farlo consultando il sito http:www.ippolitochiarello.itusca-unita-speciali- continuita-artistica dove troverete i link a tutte le Usca sparse sul territorio nazionale e internazionale. Per altre informazioni sul Teatro Delivery Pisa è possibile visitare la pagina facebook dove è pubblicato anche il ’menu’ di marzo. Da Bukowski a Tolkien, dalla Rowling as Rodari passando per il km zero ovvero gli autori pisani Danilo Soscia, Federico Gueri e Antonio Tabucchi. Si può ordinare e prenotare il proprio spettacolo preferito scrivendo a a teatrodelivery.pisa@gmail.com, telefono 346 231 3544.

Teatro Delivery Pisa è stato creato da Massimo Risi, diplomato al centro internazionale La Cometa nel 2017, e Tommaso Ricci attore che da anni approfondisce la sua formazione verso un teatro fisico, sincero ed ‘artigiano’. Due strade che si sono incontrate durante il corso "Fare teatro" del Teatro di Pisa.