“Tum Tum Pa“ per Andrea. Concerto e borse di studio

LUCCA Un concerto “collettivo“ di due giorni per ricordare Andrea Pacini (nella foto) e raccogliere fondi per delle borse di studio...

“Tum Tum Pa“ per Andrea. Concerto e borse di studio

“Tum Tum Pa“ per Andrea.

Un concerto “collettivo“ di due giorni per ricordare Andrea Pacini (nella foto) e raccogliere fondi per delle borse di studio destinate a giovani musicisti del Conservatorio “Boccherini“ e del Liceo Artistico Musicale “Passaglia“ di Lucca. Questo è il progetto “Tum Tum Pa“, un evento in ricordo del musicista e insegnante d’arte Andrea Pacini, scomparso poco più di un anno fa e pensato da musicisti e amici di Andrea: 15 gruppi e 50 musicisti coinvolti, anche per sostenere il futuro dei giovani, attraverso la creazione di borse di studio al Conservatorio Boccherini e al Liceo Artistico Passaglia, intitolate proprio ad Andrea. L’appuntamento è per sabato 20 gennaio alle ore 20,45 e domenica 21, alle ore 16,45, nell’Auditorium del Conservatorio “Boccherini“, in piazza del Suffragio a Lucca, con ingresso a offerta e donazione libera.

Questo il programma, che abbraccia diversi generi, dal jazz alla musica etnica e d’autore. Sabato 20, in scena Fat Fingers Sax 4tet feat. Federica Gennai, Fabrizio Bertolucci 4tet, Luca Benicchi 5tet, Ilaria Biagini Group feat. De Luca e Bocchi, Dnote e Marco Cattani Group. Domenica 21, Controtempo/Vocioni, Paola Bonin 5tet, Berneschi/Grisafi, Stefano Nottoli Group, Daisy & Uncle Trio, Collectivo Panattoni feat. Igor Vazzaz, De Luca/Fioramonti, Alfonso De Pietro Group, Felipe y su son latino.

"Tum Tum Pa – spiegano i promotori del progetto – è un ritmo. Un battito che risuona nel cuore di coloro che hanno avuto la fortuna di condividere il palco e la vita con Andrea Pacini. Tum Tum Pa unisce una comunità intorno alla musica. E la musica diventa il ponte che collega il presente al passato per mantenere vivo il suo ricordo. Tum Tum Pa è un concerto lungo due giorni. Un canto collettivo che collega il presente al passato. Una fusione di generi musicali eterogenei, per celebrare la bellezza della diversità. Diversità che Andrea, in tutta la sua vita, ha sempre saputo accogliere e valorizzare. Andrea Pacini era un eclettico percussionista dalle molteplici esperienze musicali e un apprezzatissimo insegnante d’Arte. Un uomo speciale, una persona affabile, gentile, di cui era semplice innamorarsi. Ecco perché in tanti si sono uniti per garantire che la sua eredità, umana e musicale, continui a risuonare forte".

E tutti coloro che sono coinvolti in questo evento presteranno gratuitamente il proprio lavoro, compreso anche il service Amandla di David Lapini, nel ricordo dell’amicizia e della collaborazione con Andrea.

Paolo Ceragioli