Shopping con le carte rubate. I carabinieri identificano e denunciano tre giovani

Si erano impossessati della tessere magnetiche del titolare di una struttura ricettiva a Bagni di Lucca e poi avevano acquistato prodotti elettronici in negozi di Lucca, Pisa e Massa .

Shopping con le carte rubate. I carabinieri identificano e denunciano tre giovani

Shopping con le carte rubate. I carabinieri identificano e denunciano tre giovani

Erano riusciti a introdursi all’interno di una struttura ricettiva turistica di Bagni di Lucca ed avevano sottratto tre carte bancomat e di credito appartenenti al proprietario, riuscendo anche ad impossessarsi dei relativi pin custoditi tutti dietro il bancone della reception. Dopodiché si erano subito recati in alcuni negozi di elettronica e avevano fatti acquisti utilizzando proprio le carte rubate.

I fatti risalgono al 18 agosto, ma adesso i tre ladri sono stati denunciati. A dare loro un nome e un volto sono stati stati i carabinieri di Bagni di Lucca.

Si tratta di due donne e un uomo di età compresa tra i 20 ed i 24 anni, tutti con precedenti specifici per reati contro il patrimonio, nonché, una di essi, anche per irregolarità connesse all’illecito percepimento del reddito di cittadinanza.

I carabinieri sono riusciti ad identificarli seguendo le tracce dei pagamenti che i tre avevano eseguito in alcuni esercizi commerciali di Lucca, Pisa e Massa, nei quali avevano effettuato acquisti di vari generi, utilizzando proprio le carte elettroniche.

Un lavoro importante che ha consentito -inizialmente- l’acquisizione dei connotati dei soggetti, seguita poi alla completa identificazione, ma anche di recuperare quanto indebitamente acquistato, rinvenuto presse le abitazioni degli indagati nei comuni di Massa e di Sarzana, a seguito di una perquisizione delegata dalla Procura di Lucca proprio su richiesta degli inquirenti. Tra il materiale ritrovato e sequestrato una playstation con relativi accessori, uno smartphone, un ferro da stiro, più quant’altro per un valore complessivo di circa 2.000 euro.

I tre sono stati denunciati in concorso alla Procura di Lucca per furto aggravato e indebito utilizzo di carte di credito.