Gli assi viari dividono gli agricoltori. Baccelli: “Attendiamo l’Anas“

L’assessore regionale incontra gli associati di Cia Toscana Nord per illustrare i progetti di viabilità

Gli assi viari dividono gli agricoltori. Baccelli: “Attendiamo l’Anas“

L’assessore regionale Stefano Baccelli (foto archivio)

Assi viari sì o no? La domanda divide anche gli agricoltori lucchesi che, in cerca di una sintesi nel comune interesse di salvaguardare il territorio e l’economia delle campagne, hanno organizzato un incontro con l’assessore regionale alle infrastrutture, Stefano Baccelli, la consigliera regionale del Pd Valentina Mercanti. a moderare il presidente della Cia Toscana Nord, Luca Simoncini, presente anche il suo vice Sandro Orlandini. Chiarissima la domanda che ha fatto da fil rouge: "Quale futuro per le infrastrutture di Lucca?". Meno scontata la risposta. “Se è vero che gli agricoltori sono divisi sul tema degli assi viari lucchesi, è vero che ciò che li unisce è senz’altro il principio di non sprecare suolo – ha dichiarato Baccelli –. Per gli assi viari noi stiamo cercando di procedere e sollecitare Anas nel ridefinire il progetto nel modo più coerente possibile per il territorio, ovviamente con il supporto dei Comuni e della Provincia“.

“Abbiamo voluto questo incontro - spiega il presidente Cia Simoncini - poiché riteniamo di fondamentale importanza fare il punto della situazione sulle infrastrutture del nostro territorio, in quanto da esse dipende il rilancio dell’agricoltura quale ambito economico strategico. Non possiamo più attendere e non vogliamo più ascoltare promesse che non vengono mantenute: adesso servono risposte chiare e concrete, affinché l’agricoltura divenga un volano per l’intera provincia“. Nell’occasione sono stati illustrati i progetti in essere, non solo relativamente agli assi viari ma anche dell’intero sistema infrastrutturale di collegamento alle zone interne, Garfagnana compresa.

“Ora – dichiara Simoncini – abbiamo tutti gli strumenti utili per avviare un confronto interno tra associati“. Un incontro partecipatissimo anche dalle nuove leve in cui è stata messa a fuoco anche l’importanza della manutenzione del reticolo idraulico in un momento in cui siccità alternata a “bombe“ d’acqua non rappresenta un toccasana.

Laura Sartini