Per mare con senso etico. Docufilm su un pescatore

Un prodotto firmato dai registi Olcese e Nervi e dedicato alla figura di Elia Orecchia

Per mare con senso etico. Docufilm su un pescatore
Per mare con senso etico. Docufilm su un pescatore

"Le nostre vite, non c’è niente da fare, sono dettate dagli incontri". Esordisce così il regista Christian Olcese nel parlare di Elia Orecchia, noto pescatore genovese su cui lui ed Edoardo Nervi, co-regista e direttore della fotografia, hanno realizzato un documentario che uscirà a breve dal titolo ’Elia: un racconto di mare e per il mare’. Elia fa parte di una famiglia di pescatori che da oltre trent’anni svolge la pesca alla circuizione delle acciughe. Nella sua storia il mare è molto più che una fonte di reddito: è vita che scorre sotto la superficie e sale a galla ogni notte, quando fuori è ancora buio e il giorno degli altri non è ancora cominciato. Che cosa significa pescare? Quanta consapevolezza serve per rapportarsi con il mare? Come si può rendere la pesca più sostenibile? Su questi interrogativi indaga il documentario dei due giovani affiancati da Gloria Aura Bortolini, fotoreporter e regista di Rai Uno. In un viaggio attraverso il mondo di Elia, lo spettatore verrà accompagnato a scoprire la possibilità di una pesca etica e responsabile. Il documentario tratterà di molti temi importanti, quali il problema relativo alle microplastiche, e saranno presenti interventi di svariate realtà scientifiche impegnate sul territorio. "Riteniamo che sia sempre più importante prendere parte a progetti di questo tipo – commenta Daniela Borriello, responsabile regionale di Coldiretti impresa pesca –. Oggi come non mai è fondamentale dare voce a chi, come Elia e la sua famiglia, porta avanti un mestiere antico e appassionante". Voce fuori campo di Francesco Patanè, colonna sonora è a cura della compositrice genovese Ginevra Nervi.